Baia, lavori di pavimentazione stradale a Via Lucullo. Ma c’è un tratto pericoloso: “Qui trema tutto!”

A Baia nei prossimi due giorni Via Lucullo sarà interdetta al traffico per autobus e mezzi pesanti (oltre le 3,5 tonnellate) a causa dei lavori di ripavimentazione stradale effettuati dalla Città Metropolitana di Napoli. Tali lavori interesseranno un breve tratto di strada che alcuni mesi fa è stato oggetto di lavori pubblici di sistemazione dell’impianto fognario. Una notizia buona a metà per i residenti della piccola frazione di Bacoli, poichè, sempre su Via Lucullo, vi è un tratto stradale che necessiterebbe di un immediato ripristino della pavimentazione stradale.

TREMANO I PALAZZI – Si tratta del tratto che va dai numeri civici 45 al numero 55 e dal numero 80 al numero 86 (procedendo in direzione sud, verso Bacoli), in cui al passaggio di autobus e mezzi pesanti genera pericolose oscillazione ai piani alti delle abitazioni ivi presenti. Ciò si verifica, in particolar modo, quando autobus e mezzi pesanti percorrono la parte di carreggiata che va verso Bacoli.

Il motivo è dovuto ad un manto stradale consumatosi nel corso del tempo e, nello specifico, ad una serie di rattoppi e dislivelli lungo il margine destro della carreggiata (prospiciente i numerici civici 84-86) per mezzo dei quali, al passaggio di mezzi pesanti (ma anche un auto che transita a velocità sostenuta), si generano oscillazioni perduranti e spaventose. “Qui trema tutto!” – le parole dei cittadini residenti che si sentono abbandonati – “Abbiamo segnalato più volte il problema, ma nulla”. Cittadini che sarebbero disposti anche a provvedere di tasca propria: “Il Comune è in dissesto? Non c’è problema: possiamo comprare noi il bitume e loro provvedono ad asfaltare. La sicurezza delle nostre case viene prima di tutto”.

Le oscillazioni sono certamente dovute al fatto che al di sotto del manto stradale c’è un vuoto, ma con un tratto di carreggiata perfettamente ripristinato, con asfalto nuovo e senza alcun tipo di crepa o dislivello, cesserebbero i tremolii dei pavimenti dei piani alti dei palazzi che affacciano sulla strada.

Infatti, nonostante a prima vista il manto stradale può sembrare non in cattivissime condizioni, in realtà il fatto che sia parecchio “consumato” contribuisce ad incrementare le suddette oscillazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.