CUMA – Slitta l’apertura di via Arco Felice Vecchio: i lavori sono fermi

Non ne possiamo più. Fate presto.

Stiamo continuando a seguire con grande attenzione la situazione “viabilità” che sta mettendo in ginocchio la popolazione di Bacoli (ma anche di Monte di Procida): in una città che presenta più strade chiuse, che aperte.

Per questo motivo ieri pomeriggio abbiamo deciso di fare un sopralluogo in via Arco Felice Vecchio. L’arteria stradale, di fondamentale importanza per 40.000 persone, avrebbe dovuto riaprire domani. Purtroppo, come potrete riscontrare dalle foto, il cantiere non solo è ancora in alto mare: ma risultava essere abbandonato.

Sconcertati, prima di pubblicare quanto riscontrato, abbiamo deciso di vederci chiaro e garantirvi un’informazione che vada oltre l’indignazione. Oltre ad utilizzare, fin da subito, ogni strumento utile per ottenere quanto voluto da tutti: la riapertura della strada. Abbiamo quindi contattato consiglieri metropolitani e tecnici provinciali per chiedere chiarimenti e, soprattutto, sollecitare la risoluzione dei problemi che rendono inaccessibile, da circa un mese, la via di fuga, in caso di emergenza, per decine di migliaia di cittadini bacolesi e montesi.

Già stamane si è tenuto un sopralluogo, presso via Arco Felice Vecchio, tra i tecnici della ex Provincia di Napoli, il Comune di Pozzuoli e la Soprintendenza, per risolvere ogni disagio. E se ognuno farà il proprio dovere, la strada sarà aperta nel mese di novembre.

Per ribadire l’assoluta urgenza della questione, seppur come semplice associazione che da anni prova a fare la propria parte a difesa del territorio flegreo, in mattinata ci siamo recati presso gli uffici della Città Metropolitana, ricevuti dalla consigliera Elena Coccia (che ringraziamo), per sollecitare ulteriormente la risoluzione della problematica.

Non non ne possiamo davvero più.

Chi ha il dovere di intervenire, lo faccia. Ed anche presto. Noi, per quanto possibile, insieme a tutti voi, continueremo a vigilare ed a tenervi aggiornati.

#freebacoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.