Bacoli, un’altra bella notizia: dopo il ripristino del “Miseno-Cuma” tornerà anche l’”Archeobus”

Un’altra bella notizia: dopo il ripristino del “Miseno-Cuma”, anche l’”Archeobus” non sarà soppresso.

Bacoli avrà più pullman in strada.

Quando abbiamo iniziato la giusta battaglia in difesa del trasporto pubblico locale, avevamo perso uno storico autobus per residenti, per fare spazio ad una tratta per turisti. Beh, una presa in giro.

Da sempre spendiamo ogni energia, nei limiti delle nostre possibilità, per lo sviluppo turistico dei Campi Flegrei. Ma non si può pensare di valorizzare la bellezza di un paradiso terrestre, senza prima garantire la vivibilità di chi lì ci vive. Per di più ai danni, come accaduto in questo caso, di una sola parte della popolazione: quella di Bacoli. Quella di Cuma, del Fusaro, di Miseno, di Bellavista. La comunità evidentemente meno tutelata.

Quando abbiamo iniziato questa giusta battaglia di civiltà, insieme a sindacati di lavoratori e pendolari, volevamo che non si dovesse scegliere tra i turisti ed i residenti. Volevamo che si tutelassero entrambi. Ma ci fu risposto, dall’azienda regionale del trasporto pubblico, che i pullman non c’erano.

Perché per i Campi Flegrei i pullman non ci sono mai. In estate, quelli che funzionano, si mandano a Sorrento, ad Amalfi, ad Ischia. A noi, invece, solo scarti, umiliazioni e disagi.

Ma ci fu risposto, da chi gestisce la mobilità su gomma in Campania, che l’amministrazione della nostra città aveva regolarmente sottoscritto l’accordo che avrebbe penalizzato anziani e famiglie delle frazioni più abbandonate.

Una scelta intollerabile.

Abbiamo quindi alzato la voce, unendo le forze, scuotendo anche le istituzioni a fare la propria parte. E così hanno prima ripristinato il “Miseno-Cuma”, che tornerà a circolare già dal prossimo 14 agosto. Poi, hanno trovato pure i pullman per fare entrambi i servizi. Lasciando quindi in vigore anche la linea “Archeobus”.

Una vittoria su tutti i fronti che ci insegna quanto sia necessario non abbassare la guardia. Quanto sia necessario lottare, anche con il sole cocente.

Affinché i Campi Flegrei non siano più la terra in cui tutto può essere soppresso.

Quando abbiamo iniziato, insieme a tanti, questa giusta battaglia popolare in difesa del diritto alla mobilità pubblica, Bacoli aveva perso una tratta per residenti, in cambio di una turistica. Dal prossimo Ferragosto, invece, ne avrà due. Le avrà entrambe. Come giusto che sia.

È vero: viviamo tempi molto difficili.
Ma se non alziamo la testa, in difesa di interessi e diritti collettivi, sarà sempre peggio.

Per questo, oggi, possiamo finalmente sorridere.

I desideri, se ci credi veramente, poi si avverano.
Buona notte di San Lorenzo, a tutti 😉.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.