Nel ricordo di Biagio, il bambino che amava la vita: lunedì il racconto del suo libro

Ci sono vite brevi che lasciano ricordi ed esempi potenti. E, veramente, imperituri.

Biagio oggi avrebbe 29 anni.
Biagio, invece, avrà per sempre 14 anni. Gli occhi vispi ed intelligenti e un sorriso immenso e contagioso. E poi: gli eroi son sempre giovani e belli.

Se la morte è assenza, allora Biagio anche alla morte “ha fatto uno scherzo”. Perché è vivo più che mai, nei verbi coniugati al presente che la mamma Carmela usa quando parla di lui, nella determinazione e vitalità di nonna Elisa, nella vita sobria e dignitosissima del papà, e, più ancora, negli occhi e nei successi di Candida che, da bambina, si è fatta donna profondissima e molto bella.
Biagio vive nella memoria di Bacoli.

Bacoli che nel 2003, scossa e commossa, ha pianto un figlio: ciascuno di noi, anche se non lo conosceva, lo ha pianto come fosse un proprio figlio, un proprio fratello.

Lunedì alle 19, presso la sede di Freebacoli, rinnoveremo il suo ricordo. Con Karol, guerriera anch’essa e con tutti coloro che vorranno sorridere e commuoversi nel rileggere le parole che Biagio ha consegnato al libro “Cornelio e la sua storia”.

“L’amore è una grande forza positiva,
Molto importante che aiuta a lottare e a vincere.
Il male invece è una forza negativa.
Il male del mondo sono bin Laden e Bush
Perché vogliono la guerra
Che toglie la vita.
Io invece ho combattuto per la Vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.