Sulle spiagge di Miseno e Miliscola ritrovata ennesima tartaruga morta: un fenomeno sempre più diffuso (FOTO)

Un’altra carcassa di una tartaruga morta spiaggiato sul litorale di Miseno e Miliscola. Da qualche settimana sui social vengono postate foto di testuggini (qualcuna afferente alla razza “caretta caretta” qualche altra no), che il mare porta in spiaggia già morte. Un fenomeno sempre più dilagante e che soltanto nell’ultimo mese ha portato a ben 4-5 casi (leggi qui il primo che segnalammo proprio un mese fa).

Le cause possono essere le più disparate: dall’inquinamento marino, dalla riduzione degli habitat di nidificazione (in Campania sono rimasti dei nidi nel Cilento), dalle collisioni con le imbarcazioni, dagli incidenti causati dalle reti a strascico e dagli altri sistemi di pesca. Inoltre la morte può essere determinata da qualcosa che viene deglutito oppure dalla cattura accidentale e intenzionale per il consumo di sangue e carni o per la vendita del carapace nei mercati illegali. Il più delle volte, in questi casi, le tartarughe muoiono perchè viene riportata velocemente dal fondo marino alla superficie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.