Bacoli, anche la Cortei dei Conti ci dà ragione: la città si può salvare

bacoli
Apprendiamo con soddisfazione, e gioia per la città, che la Corte dei Conti abbia riconosciuto al Comune di Bacoli la possibilità di aderire alle norme previste dalla legge finanziaria 2018: ovverosia il cosiddetto “Salva Napoli”.

Adesso l’amministrazione, alla guida del paese dal giugno scorso, dovrà redigere o rimodulare un nuovo piano di riequilibrio, in una condizione economica migliore rispetto a quella da noi ereditata nel 2015. Basterebbe solo considerare, oltre a quanto fatto dall’amministrazione Freebacoli contro l’evasione fiscale (e di cui pubblicheremo note ufficiali nei prossimi giorni), che il numero di dipendenti comunali e’ diminuito, anche attraverso la misura da noi adottata dei prepensionamenti, di almeno 70 unità. Per un risparmio annuo di oltre 2 milioni di euro.

Un traguardo, quello ottenuto ieri a Roma, il cui percorso avevamo indicato già dal luglio 2017. Contro tutto e tutti. Anche quando si pronosticava come unico passo possibile, per il nostro ente, quello della dichiarazione di dissesto. E che abbiamo sostenuto, seppur in opposizione, approvando in consiglio comunale ben due provvedimenti che ritenevamo utili per provare a salvare la città.

Oltre ad essere stati gli unici a ritenere, fin da subito, ed anche contro i pareri (pubblici e ufficiali) di diversi esponenti della maggioranza, che la norma “Salva Napoli” avrebbe consentito anche a Bacoli di evitare il fallimento.

Fa piacere rendersi conto che, alla fine, i fatti ci hanno dato ragione. E che tutti si siano convinti.

Abbiamo dato il nostro contributo, senza mai tirarci indietro. Sempre e solo per il bene di questa nostra terra bella e martoriata. Attendiamo, adesso, che la giunta Picone sappia continuare il percorso di risanamento che, come dimostrano carte e fatti, avevamo avviato e sostenuto, tra nostri limiti e difficoltà oggettive, quando abbiamo avuto l’onore e l’onere di guidare il paese.

E che i sacrifici profusi, anche dopo, siano serviti a qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.