Mensa scolastica, sceglieremo nuova ditta: cibo di qualità e scodellamento

mensa-scolasticaNel giugno 2015, all’atto dell’insediamento dell’amministrazione Freebacoli, oltre ad una serie innumerevoli di disastri, abbiamo ereditato dal passato anche la problematica mensa. Per una ditta voluta da chi ci aveva preceduto, con un bando concluso proprio durante la campagna elettorale.

Una volta tornati in Municipio, con la nuova vittoria elettorale ed il sostegno del popolo, volteremo decisamente pagina: mettendo fine ad un’agonia che tanti disagi ha portato per famiglie e bambini.

Attraverso l’istituzione di una commissione mensa comunale, costituita e fortemente voluta dalla nostra amministrazione in maniera permanente dall’anno scolastico 2015/2016, garantiamo un’attenzione maggiore sull’alimentazione scolastica da parte di tutti gli organi competenti (Scuola, Comune, Asl e genitori) attraverso un’azione cooperativa ed un percorso di condivisione.

Nel giugno 2015 l’amministrazione Freebacoli ha dovuto far fronte alle diverse manchevolezze e problematiche del servizio mensa garantite da una ditta scelta dall’amministrazione precedente il cui contratto scadrà in prossimità dell’inizio dell’anno scolastico 2017-2018.

Salvaguardando gli attuali livelli occupazionali, approfitteremo della scadenza contrattuale per indire un nuovo bando ad evidenza pubblica in cui chiederemo un servizio mensa secondo quelli che sono le nostre idee improntate su un’alimentazione scolastica sana e mirante ad un basso impatto ambientale fornendo il pasto attraverso lo scodellamento anche in aula (per i plessi che non usufruiscono di locali mensa, laddove la norma lo prevede) con l’utilizzo di stoviglie personali, razionamento del cibo in contenitori d’acciaio e l’uso di grandi dispenser per l’acqua, evitando così bottigliette usa e getta che inquinano l’ambiente e gravano sulla tassa dei rifiuti.

Indicare sull’etichetta la provenienza dei prodotti e degli ingredienti utilizzati preferibilmente bio ( come già voluto dalla commissione mensa comunale). Favorire l’ingresso della filiera corta nei circuiti dell’alimentazione scolastica anche attraverso la realizzazione, ove possibile, di orti sinergici nelle scuole.

Tutto questo è destinato a dare la giusta importanza alla convivialità del momento mensa separandolo dalle altre attività didattiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.