“Sindaci, ribellatevi: i soldi pubblici non sono un’elemosina”

JosiSindaci, ribellatevi: dite #No al “Sistema”.

“Fai votare #Si, altrimenti non ti mando i soldi”.
“Vota #Si, altrimenti niente fondi europei”.
“Votate #Si, altrimenti zero euro dallo Stato”.

E così ricattano i Sindaci, in bilico tra la necessità di garantire stipendi ai dipendenti e servizi ai cittadini, e la voglia di non abbassare la testa.

A voi, primi cittadini, il dovere di ribellarvi. Costi quel che costi.

Perché la vostra forza viene dal #popolo, e non dai padroni di turno.
Perché ogni vostro gesto, nel bene o nel male, rappresenta migliaia di persone perbene: che vivono tra mille sacrifici, pur di poter camminare a testa alta. Con la schiena dritta.

E, soprattutto, perché quei soldi vi spettano.
Sono vostri, della vostra gente.

Nessuna #elemosina.

Un pensiero riguardo ““Sindaci, ribellatevi: i soldi pubblici non sono un’elemosina”

  • 20 Novembre 2016 in 14:26
    Permalink

    Caro Josi, com’è cambiata la politica in questi ultimi decenni.
    Ricordo che da giovane c’era un politico (sic) mandava vico per vicolo; casa per casa, pianerottolo per pianerottolo qualche suo “bravo” e regalava la pasta, e sì, hai capito bene, la PASTA – “mezzanella e vermicelli” – se avessero votato il signore in fotografia, oggi depliant, e se ciò avveniva, gli consegnava dopo le votazioni, la classica “buàtta e pummarola… ” e a qualcuno di famiglia numerosa, anche una bottiglietta di 200cc e “uoglio”. Tu capisci che era una ricchezza per non acconsentire. Poi si modernizzò (il progresso che fa?)… anni 65/70… regalava un paio di scarpe… prima la sinistra e dopo le votazioni, la destra. La sorpresa stava che più di qualcuno alla fine si trova con una scarpa nera e l’altra marrone. Oggi? Ci siamo modernizzati al top. Ci allettano i nostri sindaci e questo purtroppo, o è meglio dire: è nu uaio gross assai! Regalano… miliuni e miliuni, non di vecchie sgangherate lire ma EURO, cui anche Giuda non poté resistire. Io dico speriamo che almeno qualcuno… e dove lo troviamo quel qualcuno? Boh! Non ci resta che pregare a sant’Mustacchio, o Eustacchio? Senza orecchie che il NO alle lusinghe sappia resistere.
    Prima che sia violentata e stuprata la povera signorina (già perché è ancora signorina, ha appena meno di un secolo) la COSTITUZIONE, figlia unica di madre vedova e figlia unica in questa dissoluzione di amore per ESSA!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.