“Largo Enzo D’Angelo”: a Baia intitolato uno spazio pubblico al grande campione di pallanuoto italiano (FOTO e VIDEO)

Da ieri a Baia c’è “Largo Enzo D’Angelo”. Al termine del triangolare di pallanuoto tra Canottieri Napoli, Posillipo ed Acquachiara organizzato dal Nuoto Club Puteoli di Peppe D’Angelo, fratello dell’indimenticabile Enzo, è stata svelata la targa che campeggia sul palazzo della Guardia di Finanza posto all’ingresso del molo di Baia, lì dove anni fa nacque ed abitò la famiglia D’Angelo. “O Stipon”, così veniva chiamato dagli amici, per quel fisico impetuoso, un armandio a quattro ante che in vasca indossava la canotta numero 10, quella dei fuoriclasse, attaccante centroboa. Un bomber con uno stile tutto suo e capace di inventarsi “i gol alla D’Angelo”.  

Enzo D’Angelo da Baia è stato un grande campione della pallanuoto italiana: medaglia d’argento alle Olimpiadi di Montreal del 1976, quattro Scudetti ed una Coppa dei Campioni con la Canottieri Napoli (ieri presente a Baia con una nutrita rappresentanza insieme ai dirigenti del Posillipo, ai fratelli Porzio dell’Acquachiara, Paolo De Crescenzo ed altri vertici istituzionali di CONI e FIN come il presidente Paolo Trapanese). Poi i successi con la carriera da allenatore a bordo vasca con Canottieri, Pro Recco e Fiorentina oltre alla medaglia d’oro alle Universiadi del 1997 con la Nazionale italiana. Dopo la sua morte, avvenuta nel 2008, il Comune di Bacoli ha promosso l’intitolazione di uno spazio pubblico ad uno dei campioni della sua terra. E l’intitolazione, avvenuta ieri con la benedizione di Don Glicerio della parrocchia di Santa Maria del Riposo, con la presenza di tutta la famiglia, i suoi amici (come Maurizio Migliaccio ed Enzo Massa, suo giocatore), i suoi avversari di un tempo ed anche di una delegazione delle Fiamme Oro, è stata sancita nella giornata di ieri al termine di una giornata che ha visto lo sport al centro di tutto, proprio come avrebbe voluto D’Angelo.

Oltre alla premiazione delle tre formazioni napoletane militanti nel campionato di Serie A1, sono state conferite delle targhe anche agli ex-sindaci Ermanno Schiano e Josi Gerardo Della Ragione ed un riconoscimento particolare anche ad Alessandro Velotto, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Rio con la Nazionale italiana, giovane pallanuotista della Canottieri.

Questo il video della benedizione della targa, poi a seguire una fotogallery:

Un pensiero riguardo ““Largo Enzo D’Angelo”: a Baia intitolato uno spazio pubblico al grande campione di pallanuoto italiano (FOTO e VIDEO)

  • 14 Settembre 2016 in 15:39
    Permalink

    per carità trovo giusto tale omaggio al nostro campione, ma… c’è una possibilità per il campione anni 60/70? “Una triste notizia ha scosso il mondo dello sport bacolese, flegreo ma anche napoletano ed italiano. Questa notte è morto Giulio Travaglio, grandissimo campione del nuoto di fondo, unico italiano a vincere la Capri-Napoli di cui è assoluto primatista con cinque edizioni vinte tra il 1965 ed il 1968 e quella del 1970.”………
    …chissà?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.