E’ proprio “tuttanatastoria”: Josi Della Ragione Sindaco di Bacoli a soli 28 anni e con 8866 voti

La notte tra il 14 ed il 15 Giugno 2015 verrà ricordata ai posteri come una delle più belle mai vissute dal popolo di Bacoli. Ieri sera è stata scritta una pagina di storia indelebile che resterà nel cuore e nella mente di chi c’era, di chi seguiva da casa e di chi tifava da lontano. Qualcuno, in futuro, potrà confessare orgogliosamente “io c’ero”, qualcun’altro potrà ricordare quei momenti come quelli più brutti mai vissuti dalla “vecchia” politica locale, tanto quella di centro-destra quanto quella di centro-sinistra.

11059152_10205936869812941_5564106392951594467_n Migliaia di bacolesi hanno fatto festa sino alle prime luci dell’alba per celebrare l  l’elezione a Sindaco di Josi Gerardo Della Ragione che al ballottaggio ha  completamente  asfaltato il sindaco uscente Ermanno Schiano della coalizione di  centro-destra guidata  da Forza Italia e Fratelli d’Italia. Sono ben quattromila i voti di  differenza tra Josi (8866  voti) e Schiano (4878), con le percentuali, rispettivamente,  pari al 65% e 35%.
Rispetto al primo turno Schiano ha perso per strada 1700 voti (ne aveva presi 6500  circa) mentre il nuovo Sindaco, sorretto da 5 liste civiche, ne ha guadagnati ben 3200  circa in più). Un consenso plebiscitario per Josi Della Ragione, Freebacoli e la sua  squadra che ora porterà in Consiglio Comunale ben 10 nuovi volti che si affacciano sulla  scena politica.

josisindacoTre sono i punti su cui focalizzare l’attenzione: i tanti voti che Schiano non è riuscito a confermare rispetto al primo turno, il fatto che alle urne si sia recato un cospicuo numero di persone che non avevano votato al primo turno ed infine il calo dell’affluenza che non ha inciso sul risultato finale. A Bacoli sono andati a votare 13,934 elettori su 23mila circa aventi diritto (il 60,28%) e dei 14 comuni della provincia di Napoli che andavano al voto è risultato quello in cui si è votato di più (il resto tutti con un’affluenza al di sotto della soglia del 60%).

Nonostante tutto questo e senza aver imbastito alcun accordo o compromesso politico, Josi Gerardo Della Ragione ce l’ha fatta e con lui tutti gli attivisti, gli associati ed i candidati consiglieri che si sono impegnati duramente in questa campagna elettorale e con loro ad esultare e sognare è ora un’intera città.

Mai Bacoli aveva avuto un candidato sindaco così giovane (e con così largo consenso) e mai Bacoli aveva avuto, in un sol colpo, una maggioranza consiliare completamente nuova.

L’istanza di cambiamento è stata chiara: tutta n’ata storia doveva essere e tutta n’ata storia è stata. 

5 pensieri riguardo “E’ proprio “tuttanatastoria”: Josi Della Ragione Sindaco di Bacoli a soli 28 anni e con 8866 voti

  • 15 Giugno 2015 in 18:52
    Permalink

    Mi dispiace non aver potuto votare Josi al ballottaggio, perchè mi trovavo e mi trovo ancora fuori bacoli, comunque gli faccio i miei migliori auguri.

    Risposta
  • 16 Giugno 2015 in 03:26
    Permalink

    Dal mare della Turchia e della Grecia ne ho visti di nuovi giorni ma l’alba di quest’oggi è tutta nata storia…congratulazioni

    Risposta
  • 16 Giugno 2015 in 15:40
    Permalink

    Sui miei 60 anni sono passate almeno tre generazioni e per ognuna di loro la domanda era sempre la stessa: ” ma è possibile che nessuno di questi ragazzi abbia la forza e la volontà di lottare contro questo vero e proprio regime, contro questa cancrena che piano piano sta uccidendo questo paese?
    Ebbene, finalmente li abbiamo trovati…14/06/2015, data storica per Bacoli !!! un vento nuovo incomincia a soffiare, un vento forte pieno di vita di amore per la nostra terra e perchè no, ancheo di competenza, alla faccia di chi vi ha sempre definiti “i muccusu” !!
    oggi più di ieri e mi rivolgo a tutti coloro che con il loro voto hanno contribuito a questa grande vittoria popolare :Sono sicuro che dopo questo mandato gli 8866 cittadini bacolesi diventeranno sempre più numerosi perchè Josi e sui Tupamaros saranno apprezzati ancora di più per le cose che riusciranno a fare.
    Concludo citando un verso dei famosi Intillimani, gruppo musicale cileno che negli anni settanta fu costretto a esiliare dal proprio paese per divergenze contro la tirannia ed il potere dello stato:
    “El pueblo unido jamas sara vencido”……….Il popolo unito non sarà mai vinto !!
    Ciao a tutti

    Risposta
  • Pingback: Agorà, in piazza è #tuttanatastoria... (aspettando il 3 febbraio) - Agorà | Lavoro, Partecipazione e Libertà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.