Trasporto pubblico, flash mob dei pendolari: “Noi non ci stiamo!” – Video

Siamo stat in p.zza Dante, a Napoli, per manifestare contro il degrado del trasporto pubblico.

Vogliamo difendere, con fatti concreti e non solo a parole, il diritto di tutti i pendolari di Bacoli, Monte di Procida e dei Campi Flegrei, alla mobilita’ negata. Basterebbe solo pensare che, a Torregaveta o al Fusaro, non si vede un treno da due settimane. In piazza, con pendolari e comitati, si ricordano i disagi causati da Eav, ed in particolare dalla Cumana, con un servizio di trasporto indecente e biglietti al rialzo. Una vergogna, acuita da colpe e assenze di Regione Campania e Comuni.

In conclusione la manifestazione si è data l’obiettivo di un nuovo incontro per il prossimo 31 gennaio.

Qui, un video realizzato durante la manifestazione.

Freebacoli, dalla parte dei cittadini

2 pensieri riguardo “Trasporto pubblico, flash mob dei pendolari: “Noi non ci stiamo!” – Video

  • 16 Gennaio 2015 in 14:47
    Permalink

    Sono con voi purtroppo io lavoro alleavbus è vi posso dire che fino a qualche anno fa e voi lo sapete eravamo puntuali è precisi ma adesso la nostra politica ci ha distrutto lavorativamente ed economicamente non solo ci hanno deturpati i nostri stipendi togliendoci 350 euro mensili ma non hanno provveduti neanche ad aggiustare gli autobus quei pochi che sono in giro sono fatiscenti sporchi è non garantiscono standard di sicurezza Le cose sono degenerate vediamo ora cosa saranno capaci di fare i nostri cari politici soprattutto i sig Vetrella

    Risposta
    • 20 Gennaio 2015 in 08:19
      Permalink

      Salvatore, prendo la Cumana e i mezzi ex SEPSA da oltre 20 anni e non siete mai stati precisi. Anzi, un tempo eravate anche molto più arroganti. Ricordo ancora quando, verso la fine degli anni 90, il treno Cumana, direzione Torregaveta, era costretto a fermarsi a Lucrino e attendere la coincidenza. Spesso, nella cabina del macchinista eravate in 5-6 e tutti (leggasi TUTTI) scendevano a prendersi il caffè. Così quando il treno nella direzione opposta arrivava e ripartiva i passeggeri dovevano attendere lor signori che finissero di bere il caffè. All’epoca ero uno studente, quando mi permisi di far notare la cosa a lor signori fui quasi sbattuto fuori.
      Purtroppo se vi ritrovate nella situazione in cui siete la colpa è anche dei tuoi colleghi.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.