Lo striscione con cui, due anni fa, Freebacoli chiedeva la riapertura delle Centocamerelle

Bacoli, ancora chiuse le Cento Camerelle: turista scrive su “Il Mattino”

apriteDelusione per un gruppo di turisti che, giunti in città per visitare alcuni siti archeologici e le decantate Centum Cellae, ieri mattina hanno trovato i cancelli di quest’ultimo monumento sbarrato. E non è la prima volta che accade. Una comitiva di studenti universitari toscani ha dovuto rinunciare al tour nelle cisterne idriche.

Grande il disappunto nelle loro parole mentre si allontanano e percorrono via Campi Elisi. «Siamo molto delusi. Per la seconda volta non siamo riusciti a visitare le Centum Cellae – afferma Francesca Maria Vanni, studentessa di Lettere Classiche – Già quattro anni fa abbiamo seguito lo stesso percorso ed erano inaccessibili. Eravamo convinti che in tutto questo tempo sarebbero state restaurate e riaperte. Andiamo via e non credo ritorneremo per visitarle».

Si punta il dito anche contro la carenza di informazioni. «Non c’è alcun info-point. Il numero dell’assuntore di custodia indicato risulta inesistente – aggiunge Nicolò Pieri, dottorando – Siamo esterrefatti, altrove non ci è mai accaduto nulla di simile. Peraltro è stata un’ardua impresa raggiungere Bacoli da Napoli con i mezzi di trasporto pubblico. Qui c’è ancora molto da lavorare per parlare di turismo culturale».

Patrizia Capuano – Il Mattino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.