Cinque Lenze, c’è l’interrogazione: la “discarica abusiva” arriva in Procura

Oggetto: Interrogazione incendio automezzo Flegrea Lavoro in località “Cinque Lenze” e richiesta trattazione in Consiglio Comunale.

10462657_822954727766959_878615279394827665_nI sottoscritti consiglieri comunali Josi Gerardo Della Ragione e Adele Schiavo.

Premesso:

– che nella mattinata del giorno 24/10/2014 si è sviluppato all’interno del fondo di proprietà del Centro Ittico Campano, denominato “Cinque Lenze”, un rogo che ha coinvolto un automezzo della “Flegrea Lavoro S.p.a”, municipalizzata che gestisce il servizio di nettezza urbana sul territorio comunale, e uno dei sei capannoni abbandonati insistenti nell’area;
– che la Citta’ ha respirato per ore rifiuto indifferenziato e speciale incenerito, visto che i Vigili del Fuoco sono riusciti solo nel tardo pomeriggio a spegnere completamente l’incendio;
– che in base a quanto appreso da cittadini presenti sul posto, il sito di “Cinque Lenze” viene utilizzato da tempo per il “trasferimento” dei rifiuti urbani raccolti dagli automezzi più piccoli agli autocompattatori più grandi, cosa che spiega il motivo della presenza di un autocompattatore carico di rifiuti in quell’area;
– che nell’area erano presenti anche materiali ingombranti e similari;

Considerato:

– che il fondo “Cinque Lenze” è di proprietà del Centro Ittico Campano che sta ancora pagando un mutuo per la sua acquisizione;
– che la zona del lago Miseno è classificata tra i Siti di importanza comunitaria (S.I.C);
– che detta area, insieme all’intero compendio di beni del Centro Ittico, è stata concessa dallo Stato al Comune di Bacoli sulla base di un “Piano di Rilancio” che prevedeva la riqualificazione turistica della zona e la creazione di sviluppo e occupazione;
10291054_823013427761089_8960522127985913947_n– che ad oggi non risultano atti ufficiali con i quali né il C.I.C, né la Flegrea Lavoro né il Comune di Bacoli abbiano richiesto e/o destinato l’area per il parcheggio di automezzi della nettezza urbana né tantomeno per la gestione, il conferimento o il semplice “travaso” di rifiuti;

I sottoscritti Consiglieri Comunali, ai sensi dell’Art.81 del Regolamento del Consiglio e delle Commissioni Consiliari relativo alle “interrogazioni”, ricordato che il Consiglio Comunale risulta sempre “aperto” sulle problematiche ambientali,

interrogano il Sindaco e la Giunta per sapere:

1. Chi ha autorizzato il “travaso” dei rifiuti in quell’area, producendo al Consiglio Comunale gli atti e i pareri necessari adottati e richiesti per compiere tali operazioni;
2. Qualora non si trattasse di travaso, ma solo di parcheggio di automezzi, chi ha autorizzato la sosta di camion saturi di rifiuti all’interno di un’area SIC;
3. Se e da quanto tempo l’Assessore all’Ambiente e quello alla Nettezza Urbana fossero a conoscenza della situazione e quali provvedimenti hanno assunto dopo l’accaduto;
4. Se e da quanto tempo il Presidente del Centro Ittico Campano conosceva la situazione e ha concesso l’apertura dei cancelli delle Cinque Lenze, per permettere l’ingresso di camion e rifiuti;
5. Perché l’area, nel recentissimo passato, è stata utilizzata anche per la raccolta di rifiuti ingombranti;
6. Quanto è stato speso per la rimozione in somma urgenza dei rifiuti e il contenimeto dei danni;

10384918_822954777766954_3512220470610646978_nI Sottoscritti Consiglieri Comunali inoltre, considerata la necessità di fare luce sull’accaduto e sulle eventuali responsabilità e che sulla vicenda sta indagando la Polizia Municipale coordinata dalla Procura di Napoli

Invitano:

Il Consiglio Comunale con un proprio o.d.g. ad impegnare l’Amministrazione affinché invii alla Procura della Repubblica di Napoli:

1. Il verbale del Consiglio Comunale nel quale sarà discussa questa interrogazione;
2. La risposta scritta ai quesiti posti in questa interrogazione;
3. Tutti gli altri atti o informazioni utili in possesso dell’Amministrazione Comunale e delle Società da questa partecipate per fare luce sulla vicenda;

Cons. Josi Gerardo Della Ragione

Cons. Adele Schiavo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.