Sibilla battuta in casa dal Miano, i tifosi sul web: “E’ la madre delle umiliazioni”

sibillaSibilla in caduta libera, pesante sconfitta contro il fanalino di coda Miano. Il “Chiovato” fischia i ragazzi allenati da mister Carannante. Si diffonde dallo stadio al web la protesta dei supporter biancoazzurri, stanchi di dover vivere campionati anonimi e di speranze puntualmente disilluse.

Per il Miano è la prima storica vittoria in Eccellenza. Dato che alimenta ancor di più l’amarezza della tifoseria flegrea.

Cenerentola Miano

Negli ultimi anni si è difatti passati, senza freni, dalle ambizioni di promozione in Seconda Divisione, al tracollo in classifica in Eccellenza con serie possibilità di retrocessione in Promozione. Da realtà del calcio campano, a team sistematicamente battuto in casa ed in trasferta. In Coppa ed in campionato.

Aprendo le porte del “Tony Chiovato” a chiunque voglia strappare punti e risultato. E in tal senso il ritorno di mister Carannante, tecnico che ha permesso per anni alla città di Bacoli di sognare il calcio professionistico, non sembra esser riuscito a garantire la sterzata decisiva.

I commenti

Dopo i fischi, in uno stadio sempre più desolatamente vuoto, a sottolineare il malumore della piazza sono stati tanti post su facebook.

3. 11. 2013. Al Chiovato. Noi tifosi della Sibilla abbiamo assistito alla madre dell umiliazioni. Sibilla – Miano: 1-2. Scandaloso si dice ed è vero. Al peggio non c’è mai fine”, scrive Mimmo.

“Una sconfitta che ha come responsabili coloro i quali hanno costruito una squadra mediocre facendoci credere che si poteva lottare per posizioni di vertice. La Sibilla non è un giocattolo. E’ il terzo anno che a novembre si cambia tutto senza uno straccio di programmazione”, continua Nicola.

“Che umiliazione!”, sentenzia Filippo.

“Che umiliazione….che rabbia!!!…che schifo!!!”, urla Marco.

“Che schifo, dove sono i tempi belli di una volta”, gli fa eco Francesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.