“Katastroika”, continua il cineforum sulla crisi del debito: la sede è piena

cineforum2Giovedì 21 si è tenuto il primo episodio del cineforum di Freebacoli con il film-documentario Debtocracy. Come già scritto nell’articolo precendete gli autori Katerina Kitidi e Aris Hatzistefanou con la realizzazione di Debtocracy hanno provato a raccontare tramite il punto di vista di economisti, storici, sociologi, politici che la responsabilità di tale crisi non è del popolo greco, che la crisi non è un evento inatteso e improvviso come un terremoto o tzunami, ma il risultato esatto delle ricette “anticrisi” dettate dalla Troika, ovvero l’unione di UE, FMI e BCE.

I due giornalisti inoltre non si limitano ad analizzare le semplici origini della crisi, il che è sempre ottimo, ma provano anche a fornire una soluzione a tutto ciò, riportando anche gli esempi di paesi che si trovavano in situazioni simili come l’Argentina e l’Ecuador e come sono riusciti a scappare dalla trappola del debito e a risollevare alla grande la loro economia.

Il dibattito

Dopo la proiezione si è tenuta un piccolo dibattito dove abbiamo trattato temi come la crisi in Italia e in Europa, meglio l’euro o la lira, economia e vari temi che non vengono mai trattati in maniera adeguata dai media. Che sta diventando una fucina di idee, dove si può parlare dai temi locali fino a quelli internazionali.

Per tutti coloro che sono interessati a tali temi non potranno perdere il prossimo film “KATASTROIKA” per Giovedì 5 Dicembre sempre alle ore 20:30 presso la sede di Freebacoli, in Via Stendhal n° 30.

Il prossimo documentario tratta del capitolo finale della economicidio greco, ovvero la svendita totale del patrimonio pubblico greco grazie alla privatizzazioni. Il film inoltre illustra anche l’esempio Italiano di come i comitati sono riusciti a fermare la privatizzazione dell’acqua, almeno per il momento.

Per chi si fosse perso il primo film ecco il link dove vederlo e buona visione e ricordate di abilitare i sottotitoli di youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.