Il ministro dei Trasporti: “Bus vecchio, potrebbero uscire fuori verità sconcertanti”

pullman“Sto cercando di comprendere le condizioni del pullman, mi dicono che fosse stato immatricolato per la prima volta nel 1995. Ci sono delle indiscrizioni che, se riscontrate nei fatti, sarebbero molto gravi”. Così il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi ha commentato quanto visto nel pomeriggio presso Montefote Iripino dove, nella notte di ieri, 38 persone (la maggior parte puteolane) hanno perso la vita in un rovinoso incidente.

Le dichiarazioni

“Da ieri sto cercando di comprendere lo stato del mezzo di trasporto. Probabile che fosse fatiscente. Non credo sia stata colpa della strada ma del veicolo. Qui, dagli ultimi dati consegnatomi, non ci sono stati molti incidenti mortali e dobbiamo basarci su questi numeri. Anche se in ogni caso anche una sol vittima della strada è una richiesta di maggiore sicurezza. Potrebbero uscire fuori nelle prossime ore delle novità sconcertanti”.

Dai dati diffusi dai RaiNews24, sul tratto della Napoli-Bari interessato dall’incidente, si sono verificati quattro sinistri stradali mortali negli ultimi cinque anni.

Le ricostruzioni

ministro lupiIntanto la procura di Avellino ha aperto un’indagine per pluri-omicidio colposo. Nel registro degli indagati sono già stati iscritti alcuni nomi che, al momento, restano top secret. Probabile la presenza del titolare della ditta di trasporti che ha messo in strada il pullman.

Dalle prime ricostruzione sembra che l’autobus perdesse pezzo ancor prima di precipitare rovinosamente nel burrone sottostante la carreggiata stradale. Alcuni testimoni parlano dello scoppio improvviso di un pneumatico. La polizia, presente da ieri sul posto della tragedia, ha recuperato la scatola nera. E’ stata prevista, inoltre, l’autopsia del cadavere del conducente.

“Il veicolo è stato immatricolato la prima volta nel 1995. L’ultima volta ha ricevuto un’immatricolazione nel 2008”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.