Centro studi Sandro Pertini, dibattito in sede: “Dalle bonifiche allo sviluppo”

pertiniIeri sera riunione nella sede di Freebacoli tra diverse associazioni

Si è tenuta ieri sera una riunione tra le associazioni territoriali flegree nella sede di Freebacoli – che l’ha ospitata- davvero interessante e ne spiegherò i motivi. Convocata dal Centro studi sociali Sandro Pertini erano presenti Freebacoli, Il centro Studi Sandro Pertini, il Movimento Meridionalisti Democratici, il Movimento Cinque stelle e liberi cittadini che comunque hanno dato il loro contributo alla discussione che proseguiva quella tenuta a Licola con altre associazioni al Tramonto d’Oro , incentrata sul seguente ordine del giorno:

  1. Stato, economia e colonizzazione del Sud

articolato per la zona flegrea in tre tematiche possibili argomenti di un convegno da tenersi tra settembre ottobre nel territorio flegreo:

  1. Bonifiche dei territori
  2. Quale sviluppo economico
  3. Attività culturali e d’impresa sociale

Non era stata invitata alla riunione la FLN con la quale però avevano avuti contatti in precedenza sia Il centro studi, sia Freebacoli, sia i Meridionalisti democratici perché si è ritenuto da parte del Direttore del Centro studi di rinviare il confronto con FLN – che fa parte del progetto di convegno – a settembre perché le posizioni di FLN sulle questioni in oggetto sono già definite mentre quelle delle associazioni convocate erano tutte da verificare.

Ambiente, al via le bonifiche

Gli interventi sono stati tutti molto attenti e curati frutto evidente di analisi ed elaborazione non casuali e di impegno sui territori.

pertini2In particolare sono emerse le cause profonde della mala gestione politica dell’economia nel sud e in particolare in Campania e in particolare nei Campi flegrei, le connessioni con il ciclo economico attuale,le difficoltà non semplici dell’impegno di una bonifica territoriale specifica che avvii un diverso sviluppo economico fondato sul benessere sociale e non sull’appropriazione criminale di risorse pubbliche, la necessità di una profonda rivoluzione culturale che renda possibile sul territorio una gestione equilibrata delle risorse e delle economie come è stato possibile in altre regioni europee e occidentali che hanno positivamente reagito ad inquinamento e devastazione territoriale cambiando di fatto l’economia in senso positivo del territorio(si è parlato della bonifica della Ruhur e del fiume Columbia negli Usa), di cambiamenti radicali, di paradigma, nella cultura della gestione del territorio come risorsa economica, di passaggio da una economia di predazione ad una economia di benessere,di costruzione di comunità locali operose.

Nello specifico è stato trattato l’inquinamento dei laghi Miseno e Fusaro, del centro Ittico campano, della possibilità di attuare una bonifica e contemporanea ristrutturazione della rete di infogna mento nel Giugnanese, delle problematiche relative ai depuratori in Campania , dell’emersione tragica di fenomeni tumorali e mal formativi in connessione con l’inquinamento da veleni tossici sparsi e seppelliti ne ciclo delle acque, della terra e del cielo, della necessità di avviare un intervento politico economico che riguardi le economie del sud come macroregione produttrice di benessere e non oggetto di discriminazione economica, politica, sociale.

Prossimi incontri

Gli interventi sono stati tutti di alto profilo tecnico, frutto di lavoro, di conoscenze e di grande passione politica e morale svolta sui territori. Si è convenuto di rincontrarci tra una decina di giorni con contributi scritti dei propri interventi che costituiranno la prima bozza, la prima piattaforma del possibile convegno. Si spera nel frattempo di investire nella discussione altri gruppi di lavoro come da impegno precedente a Licola. In sintesi c’è un grande lavoro da fare, rimbocchiamoci le maniche e ognuno per il suo contribuisca alla nascita di un soggetto politico plurale, a più voci, una rete coordinata sul territorio.

Ringrazio dell’ospitalità generosa Freebacoli e di tutti gli intervenuti cui va un mio personale ringraziamento per il contributo di intelligenza attiva.

Vincenzo Crosio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.