Porto di Baia, blitz su un “lido” abusivo: sequestrati lettini, poltrone e tavolini

capitaneriaNuovi sequestri lungo la fascia litoranea di Bacoli: Guardia Costiera e Polizia Municipale sanzionano irregolarità commesse in area demaniale. Stamattina, durante la periodica attività di controllo delle stabilimenti balneari locali, gli uomini coordinati dal comandante Antonio Visone hanno condotto una serie di controlli coadiuvati dai vigili urbani di Bacoli.

L’attività di repressione degli illeciti, cominciata da Miseno e Miliscola, è giunta poi sul porto di Baia dove, in prossimità di un varco demaniale adibito al transito di cittadini, il gruppo interforze ha evidenziato la presenza abusiva di numerosi lettini, tavolini e poltroncine in vimini. Una trentina in tutto, utilizzati a fini commerciali dal propietario di un locale limitrofo al confine tra l’area privata e lo spazio demaniale.

La Capitaneria di Porto, sul posto guidata dal vice-comandante Carputo, e la PM, hanno provveduto a sottoscrivere una denuncia penale ai danni del responsabile dell’occupazione abusiva di suolo demaniale, sequestrando 15 lettini, 15 tavolini e 15 poltroncine di vimini.

Altre multe

Più avanti, questa volta in spiaggia, ad essere stata multato, con sanzione per difformità tra il titolo concessorio e l’attività effettivamente svolta, è stato un titolare di concessione demaniale. La sanzione elevata è stata pari ad 1032 euro. Il concessionario è staato inoltre deferito alla Regione Campania.

Le attività di controllo del territorio sono poi proseguite in mare e proseguiranno nelle prossime settimane.

Un pensiero riguardo “Porto di Baia, blitz su un “lido” abusivo: sequestrati lettini, poltrone e tavolini

  • 16 Giugno 2013 in 16:34
    Permalink

    quando vanno sulla spiaggia di Baia sotto il castello dove fanno feste notturne senza autorizzazione e vendono alcoolici dopo le 22,00?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.