“Adotta un’aiuola”, passa il regolamento in Consiglio Comunale – Foto

consiglio bacoliApprovato il regolamento sulle strutture amovibili: a Bacoli sarà possibile posizionare temporaneamente pergolati, pensiline e tettoie per 120 giorni all’anno, ma solo per finalità “contingenti”.

Al centro delle polemiche consiliari tra una maggioranza intenta a volerlo ossessivamente approvare prima dell’arrivo dell’estate ( scavalcando anche il confronto in commissione ), ed un’opposizione che ha più volte sottolineato la necessità di studiare bene la normativa in questione nonché di apportarne i dovuti emendamenti migliorativi, v’è senza dubbio il regolamento che permetterà a cittadini e privati di sistemare per non oltre 120 giorni nuove strutture amovibili ( quindi non cementificate ) sotto le quali disporvi tavoli, sedie ed altre componenti d’arredo esterno.

Biblioteca

Ma andiamo per ordine. Lo scorso Consiglio Comunale di Venerdì 19, onde favorire l’arrivo del consigliere del PD Giampaolo ( in ritardo per cause lavorative )  si è aperto con un inversione di punti all’ ordine del giorno, ossia con la presa d’atto della donazione libraria effettuata dalla famiglia Guardascione a beneficio della Biblioteca Comunale sita a Villa Cerillo ( di cui vi abbiamo già parlato in questo articolo http://www.freebacoli.net/2013/03/villa-cerillo-biblioteca-bacoli.html ) relazionata dall’assessore alla Cultura ed alla Pubblica Istruzione.

Oltre ad illustrare l’encomiabile omaggio e le modalità con le quali i libri di testo sono stati recepiti, esaminati e selezionati dagli operatori, la dott.ssa Guardascione ha anticipato che a breve saranno ufficializzati tre eventi da svolgersi in Biblioteca, che l’amministrazione intende promuovere all’interno della rassegna “Il Maggio dei Libri”, nonché due nuovi acquisti ( uno da concludersi entro la fine dell’anno corrente e l’altro per il 2014 ) di libri, testi e materiale informativo cartaceo, che andranno ad arricchire il patrimonio librario del Comune a disposizione dei tanti giovani che ne fruiscono quotidianamente.

“Adotta un’aiuola”

Subito dopo al microfono sopraggiunge il videsindaco nonché assessore ai Lavori Pubblici, Michele Massa il quale sottopone all’intera assise il regolamento per la manutenzione di alcuni spazi verdi comunali da parte di enti privati e volontari “Adotta un’aiuola”. Con tale documento si permette a commercianti, imprenditori ed associazioni di provvedere alla pulizia, l’abbellimento ed alla tutela di alcune aiuole dislocate su tutto il territorio locale in cambio della possibilità di esporvi un piccolo cartello che indichi il logo del soggetto benefattore. Un regolamento, mai come stavolta, dalle intenzioni condivisibili, e che si sarebbe potuto votare velocemente all’unanimità per poi passare a punti successivi ben più strutturati di questo.

consiglio bacoliEd inverosimilmente dopo l’intervento iniziale del vicesindaco, scatta dai banchi della minoranza locale, un’accesa contestazione da parte del consigliere del PD Nicola Castaldo il quale  inizia ad avanzare mille domande ed incertezze sul regolamento utile solo a perder tempo. Una desolante discussione protrattasi per oltre 40 minuti che si sarebbe potuta risolvere ( in maniera meno impacciata per Castaldo & company ) o con la presentazione di emendamenti specifici o con la proposta di far tornare il regolamento in commissione.

Regolamenti

Si passa poi all’approvazione del regolamento sulle strutture amovibili che, dopo un celere e forzato confronto politico a riguardo ( espressione di quanto il centrodestra bacolese sia capace di velocizzare i tempi e di aumentare l’operatività del consiglio quando si tratta di regolamenti a cui  è “particolarmente sensibile” ) riesce ad essere emendato, condiviso ed approvato all’unanimità con l’unico sollecito, da parte degli indipendenti Schiavo e Della Ragione, di pubblicare in maniera continua e costante, tutte le autorizzazioni a costruire impianti di facile rimozione, in un apposita sezione del sito istituzionale del Comune di Bacoli, così da facilitare il controllo della popolazione a riguardo. I cittadini infatti, confrontando le installazioni che si effettueranno di qui a breve sul territorio, e le concessioni rilasciate dall’ente municipale riportate su internet, potrebbero segnalare più facilmente alle forze dell’ordine i casi di abuso edilizio o altre difformità.

 Si procede poi con il quarto punto all’ordine del giorno, ovvero il regolamento per la disponibilità di aree pubbliche per lo svolgimento di attività circensi ( circo ) e spettacoli viaggianti ( concerti e luna park ) anche questo del tutto condivisibile dato che l’amministrazione individua nell’area nota ai più come Pineta di Cuma ( quindi lontano dal centro storico, da agglomerati urbani e da strutture scolastiche ed ospedaliere ) uno spazio di circa 14 mila metri quadri, da destinare a tali finalità ludiche. Ed anche qui il PD locale, attraverso il consigliere Ciro Pasquale Mancino, si scaglia nei confronti dell’assessore esponente Giuseppe Carannante, sollecitando l’amministrazione a prevedere aree di sosta pubbliche per gli spettatori di simili spettacoli che strumenti di vigilanza finalizzati a garantire la sicurezza stradale e la normale circolazione automobilistica.

Cose in realtà già incluse nel regolamento in questione che, tra le altre cose,  è stato liquidato con votazione unanime da una commissione comunale nella quale era presente anche il silente compagno di partito ( anch’egli disertore del parlamentino civico locale da oltre 3 convocazioni ) Salvatore Illiano.

533886_529268303802271_303025043_nSeconda “epic fail” della serata per il PD bacolese che ha fatto emergere non solo la partecipazione inutile a talune commissioni ( non impegnandosi attivamente ai lavori di gruppo, proponendo modifiche, integrazioni etc. ) ma anche una mancanza di comunicazione tra gli stessi consiglieri, ai quali non resta ovviamente, che giungere all’Ostrichina senza conoscere nè il regolamento stesso, nè tutto ciò che è stato detto/fatto per formularlo.

Commissione Demanio

 Si passa poi alla surroga di un membro della commissione demanio ( resa necessaria date le recenti dimissioni del consigliere di centro-destra antonio carannante di cui vi parliamo in questo articolo http://www.freebacoli.net/2013/04/antonio-carannante-pdl-si-dimette-dalla-commissione-demanio-era-il-presidente.html ) durante la quale i consiglieri d’opposizione Schiavo e Della Ragione fanno presente all’intero consiglio, di aver intrapreso due provvedimenti politici a riguardo: un sollecito ad assegnare il posto mancante ad uno dei due componenti del gruppo indipendente ( garantendo quindi la presenza proporzionale in commissione demanio di tutti i gruppi consiliari come stabilito dal decreto… ) ed un sollecito all’amministrazione a far decadere dal ruolo di consiglieri, Aldo Scotto di Vetta e Porfirio Schiano, data la loro assenza in consiglio da oltre 6 mesi ( come previsto dalla legge… ).

Per tale motivazioni i due consiglieri d’opposizione si sono astenuti dalla votazione svoltasi, che ha visto la nomina di Giuseppe Esposito quale nuovo componente della commissione demanio; uno dei tanti alzamano di cui a stento conosciamo il tono di voce.

Continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.