Operai ridotti alla fame, il Comune resta immobile: a Baia “affondano” i cantieri

Al Sindaco del Comune di Bacoli

Al Presidente del Consiglio Comunale

 
OGGETTO: Interrograzione consiliare circa condizione dei lavoratori Cantieri Postiglione e Cantieri di Baia

I sottoscritti consiglieri comunali Josi Gerardo Della Ragione ed Adele Schiavo

Premesso che

Da oltre un anno, in particolar modo presso la costa di Baia, si è intensificata la crisi della nautica da diporto, sia nel campo della produzione che in quello del rimessaggio

Nei mesi addietro sono state prodotte, all’unanimità, due diverse mozioni con le quali di dava incarico all’amministrazione di prendersi carico, secondo le proprie competenze, della problematica

In data 16/10/12 il consiglio comunale di Bacoli deliberava all’unanimità

  • di investire il prefetto della problematica
  • di chiedere all’azienda, in sede di tavolo in prefettura, di presentare un piano industriale per il reeintegro dei licenziati e/o in cassa integrazione prevedendo eventualmente azioni mirate a “processi di riconversione produttiva”
  • di chiedere un tavolo in Regione Campania- Assessorato Attività Produttive per un proficuo utilizzo della concessione in atto
  • di chiedere l’apertura di un tavolo permanente in Regione e in Prefettura.

Ad oggi nulla è cambiato per i 6 lavoratori licenziati.

Vista la nota protocollata all’attenzione dell’amministrazione comunale da Sinistra Ecologia Libertà – Bacoli in cui si sollecita un repentino intervento della giunta e del sindaco

Chiedono

 Quali atti deliberati dal consiglio comunali sono stati concretamente realizzati per la messa in opera delle mozioni consiliari votate dall’assise civica per le condizioni dei lavoratori sia dei Cantieri di Baia che dei Cantieri Postiglione

Gruppo Indipendente
Cons. Josi Gerardo Della Ragione – Cons. Adele Schiavo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.