Rapina alla Banca Popolare di Novara: Rubati Oltre 30.000 Euro a Cappella

Banca rapinata in viale Olimpico a Cappella: sul posto i carabinieri di Bacoli e Pozzuoli.

E’ avvenuta nel primo pomeriggio oggi luna rapina a mano armata all’interno della Banca Popolare di Novara, già in passato interessata da fenomeni di micro-criminalità, che alimenta l’allarme sicurezza sul territorio di Bacoli.
Ad agire, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato un gruppo di ladri coperti in volto che, attraverso minacce e l’utilizzo di pistola, hanno concluso rapidamente la rapina portando via con sé una somma di denaro di certo superiore ai 30mila euro.

Ennesimo Episodio di Micro-Criminalità

Si attende nelle prossime ore l’intervento dellla Scientifica, utile per poter risalire a coloro che hanno realizzato il colpo.

La banca, che tra le altre cose è il tesoriere del Comune di Bacoli, è da anni presente in viale Olimpico, in prossimità di numerosi negozi ed abitazioni civili. Sportelli posti nelle immediate vicinanze dell’Unicredit Banca di Roma.

Un episodio, avvenuto in pieno giorno, che non giunge oramai come inaspettato in un paese attanagliato da fenomeni di criminalità diffusa che, dalle rapine con sequestro in dimore private, coinvolge spesso anche esercizi commerciali e banche presenti tra il centro e la periferia della città.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

SEGUONO AGGIORNAMENTI

11 pensieri riguardo “Rapina alla Banca Popolare di Novara: Rubati Oltre 30.000 Euro a Cappella

  • 29 Giugno 2012 in 17:10
    Permalink

    stì dilinquenti farabutti hanno rubato tutti i soldi del Comune di Bacoli

    Risposta
  • 29 Giugno 2012 in 17:12
    Permalink

    PER FORTUNA CHE IL 27 E’ GIA’ PASSATO !

    Risposta
  • 29 Giugno 2012 in 21:49
    Permalink

    Simone Scotto Di Carlo

    Ma vi rendete conto dell’assurdità? Bacoli è una penisola, basterebbe spostare una pattuglia dei vigili a Baia ed una a Cuma per azzerare ogni tipo di furto via terra !!!

    Risposta
  • 30 Giugno 2012 in 00:34
    Permalink

    Mario Capuano spesso
    mi domando se 4 ‘ragazzini’ possono risolvere il DRAMMA della delinquenza dilagante a bacoli.da NOI ci vuole la POLSTATO!. e le attuali forze dell’ordine sono insufficienti! anche se fanno miracoli! ma qui’ ci vorrebbe un’amm.ne che….vabbe’ questo e’ un altro discorso!

    Risposta
    • 30 Giugno 2012 in 09:39
      Permalink

      sono contento!! cosi’ forse faranno qualcosa per aumentare controlli…tanto quei soldi sono assicurati quindi…

      Risposta
  • 30 Giugno 2012 in 10:02
    Permalink

    la solita storia di ogni estate… non per fare la “seccia”, ma aspettiamoci altre rapine, il solito accoltellamento fuori a qualche locale, mazzate, furti d’auto ecc… ogni anno le stesse tarantelle, grazie alla marmaglia che ci invade e grazie ai bacoloidi gretti che pur di affittare le loro catapecchie le danno al primo pezzente

    Risposta
    • 30 Giugno 2012 in 22:58
      Permalink

      E mò che c’entrano le case date in affitto! Sta a vedere che i ladri prima di fare un colpo si fittano la casa per le vacanze!

      Risposta
  • 1 Luglio 2012 in 08:20
    Permalink

    Evidentemente pochi vogliono il controllo serio del territorio.
    Molti credono che può bastare l’ occhio di una telecamera a videosorvegliare.

    Risposta
  • 1 Luglio 2012 in 08:51
    Permalink

    a bacoli non ci sono due pattuglie di vigili e per questi motivi servono piuttosto polizia e carabinieri

    Risposta
  • 1 Luglio 2012 in 12:56
    Permalink

    La sola COLPA è di questa amministrazione che dovrebbe chiedere a chi preposto maggiori risorse per il controllo della nostra città 12-13 carabinieri se pur con mille sforzi non possono controllare una città che in estate è frequentata da 200-300mila persone ecco quindi rapine furti scippi è quant’altro senza dimenticare i sequestri di persona a scopo di rapina avvenute ultimamente

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.