Nei Guai l’Ex Ristorante “La Curva”, Carabinieri Indagano su Delega della Magistratura: Bacoli Paese da “Cronaca Giudiziaria”

 ORE 17:30 –AGGIORNAMENTO
”LA CURVA” E’ SOTTO SEQUESTRO GIUDIZIARIO

imageIndagini serrate sull’ex ristorante “La Curva” sito in via Lungolago: i carabinieri della Compagnia Radio Mobile di Pozzuoli monitorano, accompagnati dai responsabili dell’Ufficio Tecnico Comunale, da ieri mattino l’ex ristorante presente in area “Centro Ittico Campano”.
 
Numerosi sono stati i cittadini che hanno ravvisato la presenza in via Lungolago di responsabili dell’Arma dei Carabinieri e dell’UTC all’interno della struttura da qualche mese quasi del tutto ricoperta da pannelli bianchi che non la rendono visibile al pubblico, in un’area particolarmente trafficata proprio perché posta al centro del paese.
 
Attività di controllo spinta da indagini della Magistratura, con preventiva delega d’indagine consegnata nelle mani della Compagnia Radio Mobile di Pozzuoli, sui contenuti della quale, poiché ancora in corso, è mantenuta una certa riservatezza sia dagli uffici comunali che dalle segrete stanze di via Vanvitelli al parco Vanvitelliano del Fusaro (dove sono sistemati gli uffici amministrativi del CIC).
 
Il Caso “La Curva”: Un Buco Nero per l’Amministrazione Schiano
 
I rilievi all’immobile ex “La Curva”, tra i punti più controversi e contestati della sin ora assolutamente nefasta ed inconcludente gestione del Centro Ittico Campano portata avanti dall’amministrazione Schiano, sono continuati anche nella mattinata di oggi per svilupparsi poi nel pomeriggio.
 
Controlli asfissianti, su cui si conosceranno a breve i risvolti giudiziari e presumibilmente amministrativi, per i quali è doveroso avanzare alcune ipotesi figlie di realtà già ampiamente mostrate in passato attraverso articoli pubblicati su questo stesso blog e oggetto di diverse denunce inviate all’attenzione della Procura della Repubblica, nonché oggetto di discussione in Consiglio Comunale.
 
Struttura Abusiva Con “Condono Congelato”
 
Innanzitutto l’immobile presente in quell’area, che affaccia sulla degradata pista ciclabile del Maremorto, risulta essere “abusivo con richiesta di condono”. In pratica è una struttura eretta in un’area non edificabile, in quanto zona soggetta secondo il Piano Paesaggistico a “protezione integrale” e quindi ad inedificabilità assoluta, il cui concessionario dell’epoca presentò domanda per il primo condono del 1985.
 
Pratica presumibilmente inaccettabile, mai esaminata dall’ente comunale e quindi lasciata nel Limbo dell’incertezza formale e burocratica.
 
Pare ovvio quindi che, se la struttura di base è abusiva e non condonata, possibili lavori edilizi che prevedano un ulteriore ampliamento o modifica dell’impianto esistente, non possono essere altro che anch’essi abusivi ed illeciti.
 
La Delibera di Coppola sugli Immobili Abusivi
 
image A conferma di ciò, spulciando tra le delibere di Giunta approvate dall’ente locale, si ricorda la celeberrima “delibera Varrone” del 8.9.2003 nel corso dell’amministrazione guidata da Antonio Coppola. All’epoca l’esecutivo, sostenuto da molti membri dell’attuale maggioranza consiliare (tra cui il sindaco Ermanno Schiano ed i consiglieri Luigi Della Ragione, Antonio Carannante, Geppino Laringe, Gino Illiano, Luigi Carannante), approvò una delibera ad oggetto: “Indirizzi operativi e linee guida per l’esecuzione dei lavori di straordinaria manutenzione sugli immobili oggetto delle procedure in itinere prescritte dalla legge n.47/85 e dalla legge n. 724/94”.
 
Dalla stessa, molto lunga e complessa, si evince come l’ex assessore Claudio Varrone, all’epoca anche Presidente della V Sezione del Consiglio di Stato, prescrivesse per gli immobili abusivi e con “domanda di condono” congelata, la possibilità di poter svolgere lavori edilizi di “manutenzione ordinaria e straordinaria” che non prevedessero però alcun tipo di modifica alla struttura per cui si era richiesto il condono.
 
Nello specifico, dal corpo dell’atto ben conosciuto dai membri dell’Armata Brancaleone da più di due anni alla guida della città, si sottolinea come non sia possibile apportare al corpo della struttura in esame (e quindi anche all’ex ristorante “La Curva”) nessun “quid novi”, ovverosia nessun “qualcosa di nuovo”.
 
Sito d’Interesse Comunitario ed Area Parco
 
A ciò si aggiunge che l’area in oggetto, super protetta, risulta essere, almeno in teoria, monitorata da più di qualche ente pubblico.
 
Oltre al Centro Ittico Campano, proprietario del terreno e quindi unico ente giuridico in grado di rilasciare apposita concessione, troviamo anche l’Ente Parco Campi Flegrei (e di riflesso la Regione Campania), poiché il tratto che cinge il lago Miseno rientra tra i confini dell’Ente regionale .
 
Senza dimenticare che proprio quella zona è considerata “Area SIC”, Sito d’Interesse Comunitario, poiché rientra tra le specifiche aree individuate dalla “Direttiva Habitat” del Consiglio della Comunità Europea del maggio 1992 “relativa alla conservazione degli habitat naturali e semi-naturali e della flora e della fauna selvatiche”.
 
L’Interesse del Comune di Bacoli
 
Rilevante è poi il ruolo del Comune di Bacoli che, oltre ad essere proprietario del 99,97% delle quote del CIC, è l’ente pubblico presso cui il noto responsabile dei lavori della ditta che sta operando sull’ex “La Curva” ha dovuto protocollare la DIA, ovverosia la “Denuncia d’Inizio Attività” che in edilizia è propedeutica all’apertura di qualsiasi cantiere.
 
In tal caso è scontato sottolineare un aspetto: se le indagini dovessero essere afferenti a questa particolare problematica e se, soprattutto, dovessero portare a decisioni clamorose (per via della scoperta di ulteriori “opere abusive”), sarebbe quanto mai anomalo il fatto che si stessero svolgendo lavori abusivi all’interno di una struttura pubblica, coperta da teloni che la nascondono agli occhi altrui e che, incredibilmente, sorge a pochi passi dal Municipio di Bacoli, dal Comando di Polizia Municipale e dall’Ufficio Tecnico Comunale.
 
imageRisulterebbe essere quindi clamoroso apprendere che per rinvenire presunti illeciti all’interno di quell’immobile, si sarebbe dovuto attendere l’intervento coatto di un organo di controllo giunto dalla nobile “Puteoli”.
 
L’Incendio della Scorsa Estate ed il Bando Chiacchierato
 
Ma le indagini potrebbero virare anche su fronti ancor più scottanti.
 
La scorsa estate la Compagnia Radio Mobile di Pozzuoli fu impegnata proprio all’interno dell’ ex ristorante “La Curva” per via di un incendio, presumibilmente doloso, che interessò parte dell’immobile e che lanciò più di qualche allarme tra chi quella sera fu deputato alle indagini in territorio bacolese.
 
Fiamme che non determinarono particolari danni per il “bene materiale”, che però scossero un’altra vicenda “politico-gestionale-amministrativa” messa in piedi dall’ex presidente del CIC Daniele Perna. Fu infatti lui, dopo aver allontanato l’ex concessionario del locale di via Lungolago, a mettere al bando la concessione dell’area, attraverso una procedura ad evidenza pubblica.
 
Una novità assoluta per la società che gestisce più del 20% dell’intero territorio comunale, che causò non poche polemiche per come poi fu sviluppata.
 
Innanzitutto sotto un profilo meramente economico-contabile: la concessione, messa all’asta per 24.000 euro, fu poi aggiudicata per una cifra superiore ai 62.700 euro, palesando quindi un’evidente incongruenza tra quelli che erano gli irrisori parametri tabellari approvati (anche in sede di Consiglio Comunale) dall’amministrazione Schiano ed i reali valori di mercato.
 
Le Indagini dell’Antimafia
 
Dati incontrovertibili che scatenarono le ulteriori indagini della Direzione Distrettuale Antimafia e le successive dimissioni d’agosto 2011 dell’intero CdA del Centro Ittico, mentre per sancire la validità delle tabelle “Matarazzo” (dal nome di colui che le ha redatte) la maggioranza decise di inviarle all’attenzione della Magistratura Contabile.
 
Un quadro a prima vista imperscrutabile, che si concluse con l’improvvisa scelta del primo aggiudicatario della concessione a “tirare i remi in barca” lasciando spazio al secondo in graduatoria (molto chiacchierato per via di una sua vicinanza ai consorzi interessati alla gestione del Porto di Miseno – Clicca Qui) che, adeguando la propria offerta a quella del primo della lista (attraverso una procedura più che contestabile), acquisì la concessione e, dopo mesi, cominciò i lavori.
 
Bacoli, Paese da “Cronaca Giudiziaria”
 
Punti interrogativi supportati da realtà desolanti figlie della cattiva gestione del paese flegreo, nuovamente umiliato da nuove e spinose indagini della Magistratura, nonché dall’azione di controllo dell’Arma dei Carabinieri.
 
Ed è per questo che, in attesa dell’epilogo di questa specifica vicenda, non ci resta che assimilarne con amarezza le crude premesse tra la sempre maggiore limpidezza di ciò che sino a qualche tempo fa restava confinato all’incertezza ed all’inciucio, e le sirene degli organi di controllo accese su quella che oramai rientra ossessivamente tra le pagine della “cronaca giudiziaria”: la città di Bacoli.
 
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

37 pensieri riguardo “Nei Guai l’Ex Ristorante “La Curva”, Carabinieri Indagano su Delega della Magistratura: Bacoli Paese da “Cronaca Giudiziaria”

  • 29 Marzo 2012 in 14:59
    Permalink

    forse i carabinieri vogliono controllare se la curva possiede i requisiti per fare una pizza buona come quella del mistral…ed anche se è assistita da un protettore con la testa altrettanto dura…

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 15:37
    Permalink

    Assunta Costanzo
    insomma un paese cosi’ tranquillo in passato per la strada non si vedeva un carabiniere .. ora ci sono battaglioni .povera Bacoli ,é entrato a far parte nell’ albo della delinguenza che vergognaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!1

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 15:48
    Permalink

    il geometra era misterx????????????

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 16:23
    Permalink

    Penso che se ci sia qualcuno che debba vergognarsi,certamente non siamo noi cittadini,visto che questa struttura “abusiva” sta lì dal 1985,e non solo insiste in un area dove dovrebbe essere proibito mettere insieme due pietre,invece ha resistito tanti anni funzionando anche da locale pubblico,questo è vergognoso.Cosa si aspetta per buttare tutto a terra?Potrebbe quell’area essere usata ed attrezzata per ospitare un camping? o attrezzarla con strutture adatte ad ospitare roulotte o caravan,potrebbe essere una buona idea per incentivare un turismo stanziale già di un buon livello. Diciamo tanto per cominciare.

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 16:31
    Permalink

    Meno male che finalmente qualcosa si sta muovendo, era proprio ora!
    Ben vengano i controlli!

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 17:01
    Permalink

    Ma scusate posso capire quali sono le zone considerate “Area SIC” ??!! Possibile che il terreno dove è situato l’ex La Curva sia un terreno “relativa alla conservazione degli habitat naturali e semi-naturali e della flora e della fauna selvatiche” e a 10 metri di distanza ci siano il ristrutturatissimo Rossopomodoro e il magnifico Cycas? Possibile che la fauna selvatica non viene disturbata dalla musica proveniente dalle casse esterne del Cycas e non viene neanche abbagliata dai faretti del campo di calcetto dell’Oblio?

    Risposta
    • 14 Luglio 2012 in 13:25
      Permalink

      beh…probabilmente manco loro sono in regola…..suppongo no?

      Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 17:01
    Permalink

    FATEVI UN GIRO ATTORNO AL LAGO…….CI SONO MOLTE STRUTTURE CHE NON CI DOVREBBERO ESSERE.

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 17:54
    Permalink

    Roberto Della Ragione
    Ora davvero SI FACCIA PIENA LUCE !!!!!! Vogliamo TRASPARENZA & LEGALITA’ !!!!!!!

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 17:54
    Permalink

    Mi ripeto….

    CARRETTONE CARRETTONE DEL COMANDO DEL POLIZIA
    QUANDO VIANI GIU AL COMUNE E TE LI PORTI TUTTI VIA

    LàLàLàLàLàLàLàLàLàLà

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 17:55
    Permalink

    Raffaele Cardamuro
    ero io l’abusivo da abbattere in questo cumune di merda!!!!!!

    Risposta
    • 30 Marzo 2012 in 08:38
      Permalink

      ma…era una merda anche quando ti sei candidato ad un seggio consiliare ? se ti fosse riuscita l’impresa, le cose, ed il tuo giudizio, sarebbero cambiate ? vulpis uvam…

      Risposta
    • 30 Marzo 2012 in 20:44
      Permalink

      A dire la verità lo so da quando sono nato e penso che così sarà fin quando morirò soprattutto per le persone come voi che non hanno le palle per esporsi nemmeno per un semplice commento!!!
      Raffaele Cardamuro

      Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 19:54
    Permalink

    Ercole Mirabella
    L’importante che a Baia c’è la fiera nautica………….

    Risposta
    • 29 Marzo 2012 in 19:55
      Permalink

      Mena Lavezzi Di Colandrea
      Ma che centra la fiera nautica??????????Quando fanno qualcosa di bello a Baia a tutti dà fastidio ma quando hanno chiuso la stazione o quando x anni è stato un paese dimenticato nessuno ne parlava!E’ assurdo,e menomale che parliamo di due paesi di una stessa città!!!!!!!!!!

      Risposta
    • 29 Marzo 2012 in 19:55
      Permalink

      Assunta Costanzo
      bella cosa si parla della fiera nautica come sta il mare??é pulito!!!’

      Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 20:49
    Permalink

    Ermanno fa il sindaco purtroppo non l’organizzatore di eventi!!!!!!Se ci sono problemi si demetti mentre quando ci sono eventi si fruscia!!!!! Il popolo non è scemo

    Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 21:25
    Permalink

    ma se uno con il ristorante dava da mangiare ai propri figli….allora è abuso di necessiatà?

    Risposta
    • 30 Marzo 2012 in 08:39
      Permalink

      dipende : i figli mangiavano al ristorante ?

      Risposta
    • 30 Marzo 2012 in 10:29
      Permalink

      Il problema è che le case a terra vanno ma i ristoranti no!!!

      Risposta
  • 29 Marzo 2012 in 22:05
    Permalink

    Siamo ormai giunti a 2 Anni di Totale FALLIMENTO della Giunta PDL di Schiano e della sua (sgangherata) Maggioranza.

    Una Maggioranza eterogenea, formata da Consiglieri Comunali privi di Passione & di Cultura Politica, con Idee fuorvianti e mistificanti della Trasparenza Amministrativa, incapaci di Progettare il Futuro & Organizzare (minimamente) il Presente, divorati quotidianamente solo Personalismi, Prevaricazioni e Arroganze inconcludenti ormai all’ordine del giorno ………

    Oggi il Comune è paragonabile alla Costa (DISCORDIA) sempre piu’
    Roberto della Ragione

    Bacoli alla deriva. L’assenza palese di una guida, l’incapacità della Classe Politica (????) di Centrodestra di “tracciare le coordinate”, NON consentono di seguire alcuna Rotta.

    Occorrono assolutamente Coerenza e un barlume di Conoscenza dei piu’ elementari principi e delle regole del “Buongoverno” !

    Inutili e prolungati Litigi e Rissosità quotidiane della Maggioranza PDL hanno sottratto Tempo prezioso alla Politica e (soprattutto) alle Emergenze Sociali del Territorio, eliminando il Confronto e il dibattito Civile con la Città, a danno di quei (pochi) Consiglieri Comunali che si sono adoperati con Proposte finalizzate a dare alla nostra Città la DIGNITA’ che sicuramente merita.

    Appare oggi sotto gli occhi di tutti che l’unica SOLUZIONE Politica dignitosa resta una celere CONCLUSIONE dell’esperienza Amministrativa del Sindaco Schiano e il ritorno immediato alla Legittimazione Democratica del Voto.

    BACOLI MERITA DI PIU’ !!!!!

    Risposta
    • 29 Marzo 2012 in 22:06
      Permalink

      Giusy Monica
      Non se ne può più!!in questo paese non vedo nessun futuro x i miei figli…si deve fare assolutamente qualcosa!!BASTA!!

      Risposta
    • 30 Marzo 2012 in 08:50
      Permalink

      beh, certo, se lo dici tu che li conosci bene, per averci azzuppato insieme il biscotto per lungo tempo…

      Risposta
    • 30 Marzo 2012 in 09:05
      Permalink

      tanto per rimanere in metafora : l’amministrazione “discordia” ormai lo scoglio lo ha preso in pieno, adesso naviga alla deriva senza governo, imbarca fiumi d’acqua (lurida come quella dei laghi che hanno contribuito ad inquinare) inarrestabili e si inclina paurosamente e rapidamente ; ed il comandante ermanno schettino sarà il primo ad essere “catapultato”, a sua insaputa, sulla scialuppa, mettendosi all’asciutto…e vabbuò…gli altri “ufficiali” si arrangeranno, allo sbando, si salvi chi può…ma questo, più che un equipaggio, è una ciurma di buc…anieri, dove assolutamente non troverai la figura dell’ufficiale gentiluomo, che si sacrifica per i passeggeri elettori… qualcuno si è già premunito con un provvidenziale salvagente, gentilmente offerto da qualche partitucolo profittatore…la domnica di turno, ex-belen de bahia, a causa dello shock, riacquisterà la parola, forse troppa, e comincerà a sbrovognare…le prime vittime : i cittadini che, consapevolmente o meno, li hanno votati

      Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 06:16
    Permalink

    Perfettamente daccordo con Roberto della Ragione. BASTA con i dilettanti al Comune di Bacoli : MANDIAMOLI A CASA ! Rosa

    Risposta
    • 30 Marzo 2012 in 08:48
      Permalink

      azz, dilettanti…rosa, ma stai scherzando ?!? questi sono veri professionisti dell’intrallazzo ! talmente bravi, che mandarli via non sarà facile, visto che riescono comunque a manipolare il numero sufficiente di cittadini che li votano e gli consentono in qualche modo di continuare a rosicchiare la polpetta

      Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 08:47
    Permalink

    So sempre quattro scafessi e non c’è da aspettarsi altro

    Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 08:52
    Permalink

    mi sembra di capire dai commenti letti ke sareste piu contenti se si tornasse 30 anni indietro quando su questi terreni si coltivavano puparuoli melenzane e cocozze (zucche)come le vostre teste

    Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 13:56
    Permalink

    oh.oh.ohh…sono tornati i vice-sindaci con la svastica a dirci come si deve fare…

    Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 15:55
    Permalink

    IL SINDACO PDL DEL COMUNE DI BACOLI SOFFRE, PROBABILMENTE, DI UN GRAVE SDOPPIAMENTO DELLA PERSONALITA’, O DI UNA ANCOR PIU’ GRAVE PERICOLOSA MANCANZA DI “LUCIDITA’ POLITICA” ……… SI ERA DIMESSO QUALCHE MESE FA CON UNA LETTERA INDIRIZZATA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, GIUSTIFICANDO TALE GESTO CON L’INCAPACITA’ DI MANTENERE L’ORDINE PUBBLICO MESSO A DURA PROVA DA PROVVEDIMENTI ADOTTATI DALLA MAGISTRATURA, CIOE’ LE DEMOLIZIONI DI ALCUNI DEI TANTI “ABUSI” PRESENTI SUL NOSTRO TERRITORIO. C’E’ DA CHIEDERCI SEMPLICEMENTE : DOV’ERA IL SINDACO IN QUESTI ULTIMI 2 ANNI IN CUI C’E’ STATA UNA RECRUDESCENZA DELLE COSTRUZIONI ABUSIVE A BACOLI ????? DOV’ERA NEGLI ULTIMI 8 ANNI IN CUI SIEDE, TRA L’ALTRO, TRA I BANCHI DI MAGGIORANZA DEL CONSIGLIO PROVINCIALE DI NAPOLI, OPPURE NEGLI ULTIMI 17 ANNI IN CUI E’ STATO CONSIGLIERE COMUNALE DI MAGGIORANZA A BACOLI ??????? LE DIMISSIONI-FARSA SONO STATE RITIRATE DOPO POCHI GIORNI, IN QUANTO SONO SERVITE SOLO PER BUTTARE IL SOLITO “FUMO NEGLI OCCHI” AI CITTADINI CHE LO HANNO VOTATO PROPRIO PERCHE’, IN MOLTE OCCASIONI DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE IL PDL HA PROMESSO “COSE & FATTI” CHE NON POTEVA PROMETTERE ………………… IL FALLIMENTO DEL PDL E’ ORAMAI SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. BASTA CHIACCHIERE : HANNO FALLITO !!!!!!!!!!!!!! CI FACCIA IL PIACERE ERMANNO : A BACOLI E’ URGENTE LA FINE DI QUESTA SQUALLIDA ESPERIENZA AMMINISTRATIVA : A CASA !!!!!!! ROSARIO ILLIANO

    Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 17:23
    Permalink

    LA PROSSIMA OCCASIONE UTILE PER MANDARLI A CASA ?

    Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 18:51
    Permalink

    OGNI MATTINO E’ UN GIORNO BUONO PER MANDARE A CASA CHI HA FALLITO ……… !!!!!!!!!!!!

    Risposta
  • 30 Marzo 2012 in 19:25
    Permalink

    andate a case da soli………..prima che ci pensi o carrettonnnnnnnnnnnnnn

    Risposta
    • 31 Marzo 2012 in 06:08
      Permalink

      Guarda co o carretttttooonnn si ven si va piglia pur si s nu so gliut a casa!!!!!!!

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.