Lavoratori Senza Casco a Monte di Procida: Vicesindaco e Polizia Municipale Restano a Guardare – FOTO

NEWS: Altro giro, altra corsa. Intorno alle ore 12:00 di stamane, 16 agosto 2011, altre scene da urlo hanno attraverso il piccolo paesello di Monte di Procida. In occasione dell’allestimento del palco utile per ospitare, in serata, la cantante Anna Tatangelo, i lavoratori operavano in parte con caschi gialli ed in parte (coloro che montavano in quota le impalcature, senza l’elmetto giallo. Ad ammirarli, proprio difronte, una pattuglia di carabinieri della stazione locale ed un gruppo di vigili urbani.

foto senza fiato

AGGIORNAMENTO: Nonostante le sollecitazioni ed i reclami, alle ore 19:30 in piazza è stato possibile ammirare una scena che ha dell’inverosimile: sulle impalcature un lavoratore opera indisturbato senza casco. Difronte a lui, in basso, un gruppo costituito da Vicesindaco e assessore del Comune di Monte di Procida, Vigili Urbani, organizzatori e pseudo-cameraman.

Dopo la serata di apertura dei festeggiamenti in onore dell’Assunta, Monte di Procida offre ai suoi concittadini un altro edificante spettacolo, non preventivamente annunciato e opportunamente pubblicizzato.

In piazza XXVII Gennaio nel corso dei lavori per l’allestimento di un nuovo palco vanno in scena delle spericolate manifestazioni circensi, in cui i lavoratori senza casco e protezione riescono abilmente ad arrampicarsi e destreggiarsi sulle impalcature in acciaio poste ai quattro angolo della struttura in legno.

Ad assistere all’evento dell’anno è soltanto una nutrita schiera di anziani.

EVVIVA I CONTROLLI

Foto scattata alle ore 19:30

PIAZZA

IL CIRCO DI MONTE DI PROCIDA
Foto scattate alle ore 12:00

  P1020465 P1020468P1020463P1020475 P1020472 P1020471 P1020469

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

39 pensieri riguardo “Lavoratori Senza Casco a Monte di Procida: Vicesindaco e Polizia Municipale Restano a Guardare – FOTO

  • 14 Agosto 2011 in 10:44
    Permalink

    scusatemi ma proprio dalle immagini si evince che i lavoratori hanno le imbracature ho sbaglio?…

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 12:05
    Permalink

    Mario Tomaselli
    molto spesso sono gli stessi lavoratori…pur avendo la disponibilità dei dispositivi di sicurezza…a non indossarli…!!!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 12:14
    Permalink

    Mario Tomaselli
    una "pratica" che ho riscontrato al comune di bacoli…per anni noi rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori…ci siamo battuti per far mettere nel bilancio i soldi per la sicurezza (vedi dispositivi di sicurezza per i lavoratori e i lavori ultimi alla casa comunale)…quando è venuto il momento che gli amministratori hanno ceduto…ho riscontrato che i lavoratori erano i primi a non indossare i dispositivi di sicurezza…l'educazione alla sicurezza è ancora lontana nella nostra mentalità…!!!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 12:16
    Permalink

    Riccardo Volpe
    Il datore di lavoro è tenuto ad obbligare i suoi dipendenti ad usare dispositivi di sicurezza, essendo anche responsabile penamente di qualche eventuale (speriamo mai) "guaio".

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 12:18
    Permalink

    Mario Tomaselli
    non solo il datore di lavoro è responsabile…lo sono anche gli stessi lavoratori…!!!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 12:18
    Permalink

    Riccardo Volpe
    Civilmente e penalmente lo è il datore di lavoro.

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 12:19
    Permalink

    Mario Tomaselli
    vediti la norma…

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 12:20
    Permalink

    Ma la serva informazione di palazzo monte, non fa la diretta anche su queste vicende?? poi persono la sedia in prima fila???

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 13:23
    Permalink

    Riccardo Volpe
    La conosco bene. Ma poi che vuol dire? Mica stiamo misurando la responsabilità di chi, per obbligo, è tenuto a farti indossare il caschetto e chi non se lo mette per "negligenza". E' triste la tua risposta, nonché squalida, perchè come se volesse attribbuire tutte le colpe di una morte o un incidente al lavoratore "che non si è messo il caschetto"…eh, chill vulev murì, che dici? Per favore. Chi vigila per l'aienda deve vedere anche questo, la sicurezza sul lavoro e che tutti i dipendenti non siano negligenti (ma le aziende in regola si contano sulle dita di una mano).

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 13:24
    Permalink

    Mario Tomaselli
    questo è un tuo pensiero…che io non ho minimamente espresso nei miei commenti…mantieni i toni adeguati alla discussione…io ho detto solo che i primi a far rispettare le regole sono i lavoratori…che poi le responsabilità sono a carico del datore di lavoro su questo non ci piove…!!!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 13:24
    Permalink

    Riccardo Volpe
    Rispettosissimo, ho detto come la penso sul tuo commento. Non ti ho chiamato ladro.

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 13:24
    Permalink

    Mario Tomaselli
    perchè solo quando chiami ladro qualcuno è una mancanza di rispetto??…hai concetti bizzarri…!!!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 13:25
    Permalink

    Riccardo Volpe
    Mario, mi vado a fare 1'ora di sonno. Non ne vale nemmeno la pena. Buona domenica.

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 13:25
    Permalink

    scusate ma a monte ieri c'era ina bancarella che vendeva cidi falsi che se non erro è illegale,ma forse quel bancarellista ha pagato quanto gli è stato richiesto ed ora puo star tranquillo…………………………….

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 13:35
    Permalink

    Spesso leggendo i bandi pubblici di gara confenzionati dai nostri comuni, ho modo di apprendere come (di certo perche vincolati da norme nazionali) si tende a ribadire con forza che il "ribasso dell'offerta" non deve coincolgere la sicurezza sul lavoro. Un vincolo questo che, inevitabilmente, sarà stato determinato da una cattiva gestione del "lavoro", inteso nella sua interezza e non soltanto come rapporto tra investimento/guadagno.
    Nel particolare non sono a conoscenza della presunta "mancata avvedutezza" dei lavoratori presenti nelle immagini ma, di certo, ogni lavoro deve essere monitorato da responsabili addetti alla sicurezza. Se c'è colui che è deputato al controllo della riscossione del denaro, o della sistemazione della trave, vi dovrà essere anche colui che, pagato per farlo, ha il dovere di controllore se il lavoratore è in sicurezza.
    A ciò s'aggiunge che, nel caso specifico, i lavori sono realizzati in piazza, alla vista di tutti, (amministratori, cittadini, giornalisti e pseudo tali). Tutti silenti accondiscendenti. L'importante è, tuttavia, godersi la festa la sera e poter passeggiare (per mera passerella) su quel palco realizzato con modalità "bizzare" (tanto per usare un eufemismo).

    Josi Della Ragione

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 14:12
    Permalink

    Gennaro Del Giudice
    Io sono stato assistente alla sicurezza sul lavoro alla Piaggio e credetemi…l'80% dei lavoratori sono talmente sprovveduti che le disgrazie se le vanno a cercare. Il titolare i mezzi per le imbracature, i caschetti e quant'altro li mettono a disposizione, a loro costano poco. E'vero che dovrebbe esserci il responsabile alla sicurezza che viene nominato x ogni cantiere. Ma ancora prima, dovrebbero esseri gli stessi operai ad avere cura della propria "pelle" ma questo non la fanno. Io quando lavoravo in quel cantiere sorprendevo i lavoratori che non lavoravano in sicurezza, li segnalavo alla direzione lavori che poi provvedeva a sospenderli dal cantiere. Ma ci rendiamo conto? io a 20 anni che dovevo disciplinare gente di 50 anni. E aggiungo davanti a me mettevano il caschetto, poi quando me ne andavo se lo toglievano dal capo. Non voglio fare di un'erba un fascio, però io da lavoratore disciplinato senza casco e imbracature (come nel caso della foto) non ci salirei. A Monterusciello qualche anno fa morì un operaio (nel parco Flegrea '70) che camminava sul tetto senza alcuna protezione. Era lui il titolare della ditta. Il problema di fondo è la mancanza di sensibilizzazione che c'è alla base!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 14:30
    Permalink

    Mario Tomaselli
    fai attenzione gennaro che adesso il populista ti richiama…!!!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 14:31
    Permalink

    Gennaro Del Giudice
    non so chi sia il "populista", ho letto la denuncia scritta su FreeBacoli che condivido ma tenevo a precisare che le colpe non stanno solo da una parte!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 15:58
    Permalink

    io lavoro spesso in situazioni dove si dovrebbero usare i"mezzi di sicurezza" li avete mai provati??? sfido molti di voi a restare su quelle impalcature carichi di giubotti,guanti, funi e caschi molti lavoratori preferiscono no usarli perché sono sono scomodi e poco adatti alle mansioni da compiere creando spesso intralcio e dandoci ancor piu la sensazione di non poterci muovere e di cadere. (almeno per me)
    invece di fare tanta polemica dovrebbero prima creare ausili che aiutino e che non destabilizzino ancora di piu.il problema principale non e mettere il cane da guardia che imponga di mettere le protezioni ma rendere queste ultime tali da essere accettate dai lavoratori

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 17:32
    Permalink

    Sono questo genere di articoli che mi fanno scendere il cuore nei cazettini Josi.

    Non dovete per forza trovare il pelo nell'uovo.

    Ok, se faccio i lavori a casa vengono e mi fanno il verbale, ma dire che non hanno il casco per risparmiare sulla sicurezza è assurdo.
    L'elmetto lo tengono, giù a portata di mano… ma mi dici se cadono da li su, l'elemetto li salva? No e allora? E' solo un fastidio in più sotto il sole.

    Vi stimo veramente, ricordo ancora la denuncia degli abusi sui "vu cumpra" dell'anno passato.

    Perchè tu da buon cittadino non hai chiamato i carabinieri o l'asl o chi controlla la sicurezza sul lavoro? Invece di battere sulla tastiera?

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 18:45
    Permalink

    Ciao Anonimo,
    Il mio richiamo a delle disposizioni locali era relativo alla discussione (posta più sul generale) su cui dibattevano mario e riccardo.
    Sull'eventuale inutilità del casco, e del fastidio arrecato sotto il sole, non concordo col tuo pensiero. Il casco potrebbe essere inutile, ma non averccelo rappresenterebbe un elemento di difesa in meno.
    Per ciò che concerne le segnalazioni da te evidenziate ti rammento che la Redazione di Freebacoli, ogni qualvolta pubblica articoli-denuncia, li gira successivamente a diverse forze di controllo (tra cui anche quelle che hai citato).
    In più un articolo pubblico, con tanto di foto, è già un documento di denuncia.
    Un abbraccio

    Josi

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 18:46
    Permalink

    Melania Scotto
    questa festa, per intero ha dell'inverosimile!!Vi pare ke la classe dirigente di ieri e di oggi sappia qualcosa dello statuto dei lavoratori??O forse dei diritti e dei doveri del cittadino IN GENERALE? Non meravigliatevi del 'senza casco', c'è chi con i piedi per terra e 'col casco' l'anno scorso piuttosto che denunciare AGGRESSORI che avevano scatenato il panico tra la folla in festa, sono andati a controllare se gli 'animatori' con tanto di bancarelle e divertimenti per i bambini avevano il permesso per stare lungo le vie del paese e racimolare qualcosina di soldi! A COSCIENZA DI CHI C'ERA!

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 18:47
    Permalink

    Dario Chiocca
    la vostra segnalazione è importantissima, al di là delle polemiche che ne possono scaturire. quella della festa al monte di procida è probabilmente solo la punta di un iceberg. in italia oggi le condizioni sul lavoro sono peggiorate (meno diritti, meno ocasioni, appalti al ribasso, lavoro nero ….) e le Istituzioni non solo non fanno nulla al rigurado, ma sono parte del processo, dai governi nazionali all'ultimo assessore di provincia.

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 19:04
    Permalink

    Evviva finalmente abbiamo trovato lo sceriffo.. E' la redazione di freebacoli che controlla tutto e tutti: carabinieri, vigili urbani, capitanerie, amministratori, politici, cantieri, strade, mare, laghi ect…….

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 19:56
    Permalink

    Antonio Oares
    LA CORRUZIONE CONCUSSIONE COLLUSIONE E ILLEGALITÀ È DENTRO E FUORI LE ISTITUZIONI È TRA CONTROLLORI E CONTROLLATI E SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI … TUTTI IN GALERAAAAAA

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 20:01
    Permalink

    ahhhhhhh, amici miei ma in questa foto, oltre a vicesindaco e vigili c'è anche salvio pietroluongo ed il caro pacosmart che parlottano…afaccia mia e brav…viva viva

    Risposta
  • 14 Agosto 2011 in 23:45
    Permalink

    Ma il vicesindaco Lucci per caso ha voglia di tornare a sriscia la notizia?
    franco aiutalo a non sbagliare!!

    Risposta
  • 15 Agosto 2011 in 09:06
    Permalink

    marò freebacoli e che palle però! siete ossessivi! da che mondo è mondo i "roadies" hanno sempre lavorato così… andate a vedere come montano i palchi per vasco rossi, pino daniele, rolling stones…. avete mai visto i famosi filmati sulla preparazione del festival di woodstock? non andate a cercare sempre il pelo nell'uovo, alla lunga rischiate di scocciare

    Risposta
  • 15 Agosto 2011 in 09:17
    Permalink

    poi scappa il morto e parliamo di tragedia, ma và và

    Risposta
  • 15 Agosto 2011 in 09:26
    Permalink

    MìChele Scotto Dì Carlo
    be si vedono tutti i giorni eventi del genere non solo al monte. iniziamo a fare i controlli anche nelle ditte private penso che gli operai la maggior parte lavorano tutti al nero con un salario minimo retribuito

    Risposta
  • 15 Agosto 2011 in 21:54
    Permalink

    UAMMA MIA E CHE VI FIRATE DI SCRIVERE!!!!!!! ALLA FACCIA DELLA CRISI!!!! LO SAPETE QUANTI SOLDI SPRECATE SCRIVENDO TUTTO STO PO'PO' DI PAROLE???? NON VE LO DICO, CHIEDETELO A TREMONTI……..AH AH AH AH AH AH
    GRAZIE….

    Risposta
  • 16 Agosto 2011 in 07:33
    Permalink

    vorrei dire la mia in merito alle responsabilita' sulla sicurezza : una volta i datori di lavoro erano i soli colpevoli,ora(dlg 81/2008 t.u.)sono cambiate molte cose,loro possono delegare le responsabilita'ad un dirigente e ad un preposto(lavoratore),ci sono delle sentenze in cui un lavoratore(asmatico) morto per esposizione a fumo passivo,ebbene il datore non è stato chiamato in causa,poichè aveva provveduto a stabilire il divieto di fumo,il dirigente e il preposto sono stati condannati perchè non avevano fatto rispettare il divieto

    Risposta
  • 16 Agosto 2011 in 07:46
    Permalink

    non per contraddire chi ha scritto l'articolo ma gli organi preposti alla vigilanza in materia di sicurezza sul lavoro sono :asl(igiene e sicurezza sul lavoro),direzione provinciale del lavoro(grandi rischi e edilizia),comune(igiene pubblica),vvf(incendi), i vigili urbani potrebbero solo segnalare

    Risposta
  • 17 Agosto 2011 in 00:13
    Permalink

    Salvatore Imperato
    bhe io direi che piu' del casco sarebbe servita l'imbracatura anti caduta.

    Risposta
  • 17 Agosto 2011 in 00:14
    Permalink

    Ciro Scamardella

    l'imbracatura ce l'hanno… ma il problema è che nemmeno così si monta! serviva almeno un trabattello. Non si può essere ancorati ad un opera che ancora non è terminata!

    Assurdo!

    Risposta
  • 17 Agosto 2011 in 08:38
    Permalink

    Pascal Cuccurese

    Magari solo senza casco!Li ho visti arrampicarsi sui tubi,in presenza dei vigili,senza le opportune imbracature.

    Risposta
  • 17 Agosto 2011 in 12:52
    Permalink

    Davide Gambardella
    questa è denuncia, ottimo!

    Risposta
  • 18 Agosto 2011 in 09:00
    Permalink

    Complimenti alla redazione, bell'articolo.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.