“Grandi Evasori” a Bacoli, Non Pagati 2 Milioni di TARSU: Si Pensa ad un Nuovo Condono Tributario

 

imageManifesti pubblici e volantini dispensati “casa-casa” per spronare la cittadinanza a saldare la propria quota Tarsu: ancora non pagato ben il 40% della tassa sui rifiuti per l’anno 2010 ed il comune già pensa all’attivazione dell’ennesimo condono tributario, il terzo in soli dieci anni.

E’ enorme la somma di denaro che ancora non risulta essere stata incamerata dalle casse comunali nell’ultimo anno economico per via del reiterato mancato pagamento, da parte di numerosi commercianti, imprenditori e cittadini bacolesi, dell’imposta utile per assicurarsi la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

Crediti consistenti, che soltanto per l’anno 2010 si attestano su di una cifra di poco inferiore ai 2 milioni di euro, le quali si sommano a tutti i mancati pagamenti passati, mai recuperati dall’ente comunale né attraverso l’azione coercitiva di Equitalia, né mediante l’attivazione di ben due distinti condoni tributari, attivati nel 2003 e nel 2007.

  • Ristoratori, esercizi commerciali e famiglie: chi paga e chi non paga la Tarsu

    Ma gli evasori fiscali, così come più e più volte ribadito anche in consiglio comunale dallo stesso sindaco Schiano, sono in particolar modo i proprietari di esercizi commerciali disseminati in città. Tra ristoranti, pub, lidi e strutture di ristoro presenti tra il centro e la periferia del paese, sono tantissimi coloro che, anche per più anni di seguito, preferiscono non saldare i propri debiti, maturando crediti verso il comune di decine di migliaia di euro.

Diverso invece il discorso per le singole famiglie che, salvo rare eccezioni, sono le più solerti a pagare la tassa, spesso anche in un’unica rata. Isola felice dell’intero settore tributario che, a conti fatti, poco incide sul totale dell’imposta: la maggior parte delle somme, per via delle volumetrie dei locali e delle percentuali imposte dal comune, spetta proprio a ristoranti, negozi e parcheggi, anche se a non contribuire alla copertura delle spese per la spazzatura municipale sono, spesso e nonostante vistosi sconti, anche i lidi balneari.

image Soldi, quelli non incassati, che inevitabilmente vengono nuovamente ridistribuiti sul resto della collettività.

Difatti, così come imposto dalla legge in materia, da qualche anno a questa parte il servizio di raccolta e smaltimento del rifiuto deve essere interamente coperto attraverso la “tassa ambientale rifiuti solidi urbani” la cui consistenza viene determinata dalla sommatoria di due quote distinte: la prima è comunicata dalla provincia di Napoli a cui attiene, attraverso il lavoro della Sap.Na, l’opera di smaltimento della spazzatura; la seconda invece è relativa alla raccolta interna del rifiuto che in città, dal 2004, viene svolta dalla Flegrea Lavoro, società ad intero capitale pubblico e da inizio anno interamente acquistata dall’ente comunale.

Per l’anno scorso, in modo non troppo dissimile da quest’anno, se la quota provinciale si è attestata su 1,5 milioni di euro, quella cittadina si è avvicinata ai 5,5 milioni, facendo venir fuori una risultante gravitante intorno ai 7 milioni di euro che, per una città di 27mila abitanti, rappresentano di certo un’enormità.

Pertanto quando, come per il 2010, non viene introitato il 40% del totale, si provvede a recuperare tali cifre (in ogni caso obbligatoriamente da pagare poiché rappresentano stipendi di dipendenti, costi di automezzi e spese provinciali) dallo stesso bilancio comunale, appesantito quindi di imposte annualmente gonfiate e privato di danaro sottratto ad operazioni di manutenzione straordinaria ed ordinaria.

  • L’Idea del Condono Tributario

Ma a creare più di qualche malumore sarebbe l’idea dell’amministrazione Schiano di strutturare, di qui a breve, un nuovo condono tributario. Idea paventata da più fonti che però, al momento, non riveste alcun carattere di ufficialità.

image Il condono tributario in città, da quando nel 2002 esiste la possibilità di farlo, è stato già messo in piedi ben due volte: nel 2003 e nel 2007.

La prima, con una giunta di centrodestra diretta dal primo cittadino Antonio Coppola e con la presenza in consiglio comunale di attuali rappresentanti della maggioranza Schiano (tra cui lo stesso sindaco), si decise di attivare un condono che dava la possibilità, a chi non aveva pagato in precedenza, di versare i contributi senza l’aggiunta di multe o sanzioni.

La seconda, con una giunta d’estrazione “civica” diretta nuovamente da Coppola e con la presenza in assise di attuali rappresentanti di governo, sempre pronti a salire sul carro dei vincitori, fu invece introdotta una riduzione, per chi si era reso moroso, di ben il 40% del totale. In pratica per chi non aveva pagato 1000 euro, alla conta dei fatti ne avrebbe dovuti pagare (nonostante gli illeciti passati) soltanto 600. Una sorta di premialità per i trasgressori della legge, affiancato ad un pugno nello stomaco per chi, con regolarità, paga le tasse.

Un’azione con cui si cercherebbe di fare cassa nell’immediato, perdendo però quelle migliaia e migliaia di euro le quali, sebbene poste a bilancio negli anni passati e portate dietro come “residui attivi” da riscuotere, andrebbero del tutto cestinati senza alcuna possibilità di recupero. Provvedimento valido sotto il profilo finanziario (per via della possibilità di poter usufruire di liquido fresco da utilizzare per coprire buchi di bilancio) ma deleteria sia sotto il profilo economico che sotto quello morale e sociale.

Incentivo perpetuo al non mettersi in regola con le normative il quale potrebbe determinare anche l’effetto opposto: un aumento spropositato di morosi pronti a non pagare un bel niente nel prossimo triennio con la certezza di poter saldare i conti, addirittura con larghi sconti, senza alcun tipo di problema.

  • Gli Obiettivi per il Futuro: Dia e Misure Forti

Ed è per questo che gli obiettivi, in vista di una normalizzazione della riscossione, dovrebbero essere ben altri.

Innanzitutto, così come evidenziato da una relazione degli ex revisori dei conti del comune di Bacoli al bilancio consuntivo 2008, anziché produrre sanatorie, si dovrebbe puntare ad utilizzare atteggiamenti ben più aspri con chi arreca seri danni alle casse dell’ente pubblico.

image Inutili sono, in quest’ottica, gli ultimi manifesti fatti stampare dall’amministrazione e diffusi “casa-casa” esigendo la riscossione del danaro dovuto.

Azioni molto più concrete, anziché attendere inermi la lentissima attività di Equitalia o la ciambella del condono, sarebbero la sospensione forzata delle attività e la chiusura temporanea di esercizi commerciali.

Di pari passo però deve attivarsi con solerzia un processo virtuoso che abolisca anche a Bacoli l’iniqua Tarsu, facendo spazio alla più giusta Tia. Non è possibile pagare decine di migliaia di euro l’anno, come accade ad esempio per i parcheggi, senza produrre grosse quantità di rifiuti.

Con la Tarsu, la somma della percentuale di spesa è esclusivamente calcolate in base alla superficie ed alla destinazione d’uso del locale in questione. paradossalmente un’abitazione di 100 mq prevede la stessa spesa a prescindere che essa sia abitata da una o da cinque persone.

La Tia è innanzitutto una tariffa e non più un’imposta. Il calcolo della “spesa-spazzatura” verrebbe effettuato sul quantitativo esatto di rifiuto prodotto da ogni singolo locale o abitazione. Produci x, paghi x; produci x+1, paghi x+1.

Obiettivi imprescindibili che mal conciliano con le sanatorie tributarie. Mezzucci propri di chi vive alla giornata, pensando esclusivamente al rattoppo oggi, ed all’ingrossamento delle clientele in eterno.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

26 pensieri riguardo ““Grandi Evasori” a Bacoli, Non Pagati 2 Milioni di TARSU: Si Pensa ad un Nuovo Condono Tributario

  • 31 Agosto 2011 in 13:53
    Permalink

    Tina Formisani
    in questo modo si crea una bella sacca clientelare.sono piccoli favori agli elettori.che schifo.

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 14:56
    Permalink

    E IO PAGO DISSE IL PRINCIPE DE CURTIS.

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 15:11
    Permalink

    L'attuale governo ha utilizzato lo strumento del condono come un abuso. Da quelli fiscali a quelli edilizi. Pur non discutendo sull'utilità dello strumento giuridico (da attuarsi una tantum) mi sembra assurdo che a livello locale si metta mano ad esso e non si faccia di tutto per scovare gli evasori. Antonio Scotto.

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 15:30
    Permalink

    Maestro Salvatore Morra
    pagano sempre i fessi!!

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 15:31
    Permalink

    Schiano chiama, il Condono risponde….
    "Non c'è 2 senza 3….aspettate aspettate, non abbiate paura….MO VENG!"

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 19:40
    Permalink

    Ebbene si, il ns Sindaco è sempre pronto ad accontentare i SUOI amici di merende a discapito dei cittadini di Bacoli sia a livello fiscale con condoni ad hoc, sia a livello personale vedi il custode di villa Ferretti che sarà il dipendente comunale e suo autista personale il sig. C. L..
    Come disse qualcuno MEDITATE GENTE MEDITATE.

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 20:07
    Permalink

    questo è il vero scandalo ,non sono piccoli favori qui si parla di migliaia di euro,tra l'altro sembra che questa ipotesi del condono sia stata promessa in sede di campagna elettorale,NON PAGANO SEMPRE I FESSI….devo correggerti Maestro Salvatore PAGANO SOLO I FESSI.
    Facciamo fare dai due parlamentari che hanno tanto a cuore "Bacoli" una interrogazione parlamentare per bloccare il nepotismo che regna nella nostra amata cittadina

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 20:24
    Permalink

    Ma sanzioni e provvedimenti contro chi non paga (come si farebbe nei Paesi civili) manco a parlarne?
    PErche condonare fa piu comodo?

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 20:42
    Permalink

    perchè non rinnovano le varie licenze solo a coloro ke sono in regola con il fisco????

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 20:44
    Permalink

    Utilizzare il condono per rientrare in possesso di somme di denaro dovute mi sembra l'ennesima mancanza di rispetto nei confronti di quei cittadini onesti che a fronte di tanti sacrifici pagano le tasse. Se non pagano pignorate oggetti, ritirate licenze, insomma fate capire loro che lo stato esiste e che se vogliono fare gli imprenditori in questo paese lo devono fare nel rispetto della legge!

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 21:38
    Permalink

    Davide Strianese
    se il comune di bacoli fa un condono del genere giuro che ****** il sindaco prima e tutti gli assessori che votano questo tipo di schifezze.
    giuro!!!

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 21:39
    Permalink

    Tommaso Di Meo
    E, per curiosità, in che modo l'Amministrazione procede all'accertamento degli evasori e al recupero dei crediti?

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 21:40
    Permalink

    Nando Esposito
    Dell'aumento che c'è stato nessuno ne parla?? Per non parlare poi dei permessi di sosta anche questi non menzionati da nessuno??

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 21:40
    Permalink

    Pasquale Puglia
    allora è meglio non pagare tanto dopo c'è il condono !!!!!!!!!!!!

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 21:41
    Permalink

    Pasquale Puglia
    certo Nando parliamo anche dei permessi di sosta oltre al danno anche la beffa , dopo l'aumento del 50% anno chiuso il porto di Baia alle auto.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 21:41
    Permalink

    Bernadette Della Ragione
    ho visto bollette cn delle cifre folli

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 21:45
    Permalink

    Franco Napolitano
    PAGARE TUTTI.. PAGARE MENO (SLOGAN 68)

    Risposta
  • 31 Agosto 2011 in 23:48
    Permalink

    NON CAPISCO QUESTI COMMENTI SCANDALIZZATI
    ooooooo sveglia mo veng è la sua cricca stanno la' apposta a favorire questo o quel "cliente" scusate ma secondo voi i soliti noti perchè pensate che si candidano

    Risposta
  • 1 Settembre 2011 in 10:13
    Permalink

    Gianni Longo
    e io pago…comme nu str….o ho pagato pure tutto assieme!

    Risposta
  • 1 Settembre 2011 in 11:03
    Permalink

    "E' necessario, affinchè questo ambizioso progetto ( raccolta differenziata ) continui e migliori, che tutti i cittadini paghino quanto di loro competenza così come indicato nelle comunicazioni afferenti il ruolo Tarsu predisposto dall' Ufficio Tributi.
    Considerto, pertanto, che alla data odierna ( metà agosto 2011 ? ) molti contribuenti ( chi ? ) non hanno pagato nemmeno la prima rata della Tarsu ( scadenza Aprile 2011 ) SI INVITA a provvedere al pagamento delle rate scadute e non pagate.
    Ove persistesse la morosità dei pagamenti, questa Amministrazione valuterà ogni possibile iniziativa tersa a farvi fronte "

    Risposta
  • 1 Settembre 2011 in 11:13
    Permalink

    Tasse ? I bacolesi pagano le tasse ?

    Soprattutto la Spazzatura-Tarsu ?

    La seconda rata scadeva il 30 Luglio e ad Agosto un Avviso del Sindaco Invitava la Cittadinanza a Pagare ciò che, ad allora, non era stato ancora fatto !

    Qualcuno lo ha visto ?

    Perchè il ragazzi di Freebacoli non prendono dall' Ufficio Tributi l' elenco degli utenti morosi e lo pubblicano ?

    Potete diffondere e mettere sul sito l' Avviso del Sindaco ?

    Operazione Trasparenza e Visibilità contro i Parassiti di Bacoli !
    Giacomo Ippolito

    Risposta
  • 1 Settembre 2011 in 11:42
    Permalink

    Facciamo un altro regalo ai contribuenti "imprenditori" di Bacoli! Che SCHIFO!

    Risposta
  • 1 Settembre 2011 in 19:01
    Permalink

    ah si?! se c'è un altro condono incrociamo le braccia e mettiamo sottosopra il comune!

    Risposta
  • 2 Settembre 2011 in 09:50
    Permalink

    Buongiorno,
    vi scrivo con la speranza che venga pubblicato il mio rammarico legato alla vicenda Tarsu da voi segnalata, inizio con la volglia di comunicare a tutti che in qualità di cittadino Bacolese sono indignato nel leggere quanto da voi riportato perchè ritengo che le informazioni in vostro possesso non siano del tutto corrette, innanzitutto il 40% di cui si parla è un dato a valore e non rispetto il numero di abitanti, questo significa che pochi (ristoranti, lidi, negozi) usufruiscono delle agevolazioni che il governo cittadino si è inventato, ma la cosa peggiore ed ignobile che viene riportato nei vostri articoli è il fatto che il nostro Sindaco Ermanno Schiano ben consapevole di coloro che non pagano la TARSU invece di agire nel recupero delle ingenti somme con i mezzi che la legge in piena legalità gli mette a disposizione si nasconde dietro un volantinaggio chiedendo il supporto dei cittadini, Sindaco vergognati con questi modi di operare prendi in giro i cittadini favorendo i tuoi amici evasori a discapito di tutta la cittadinanza, ed ora stai pensando anche ad una sanatoria !!!!! complimenti , dimettiti che faresti una bella figura, tu ed i tuoi consiglieri mi ricordate la favola di ALI BABA ed i 40 ……..
    Dopo aver letto i vostri articoli rimane chiaro che anche i governi cittadini precedenti hanno fatto la stessa ed identica cosa pertanto non è una questione politica attuale ma le porcherie le hanno fatte sia la destra che il centro che la sinistra !!!!!
    Il cittadino Bacolese

    Risposta
  • 5 Settembre 2011 in 10:03
    Permalink

    NON PRENDIAMOCI IN GIRO!! ma veramente pensate che pagando tutti si pagherà di meno?!???? no ragazzi il governo sarà sempre ladro (anzi peggio) !! è giusto pagare è la legge e giustamente solo i fessi come noi lo fanno ma purtroppo credo che anche se tutti pagassero non cambierebbe molto!!

    Risposta
  • 5 Settembre 2011 in 14:35
    Permalink

    Franco Napolitano
    non facciamoci prendere in giro da amministratori ed evasori

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.