Camorra, Villa Ferretti Piomba nel Degrado: Da Centro Culturale a Parcheggio – VIDEO –

Come avete potuto leggere dal blog, lo scorso mese la Dia ha bussato alle porte del nostro comune per far luce su alcune storie.

Una tra questa è quella di villa Ferretti, un fabbricato rurale che si trova a ridosso del castello di Baia, che comprende anche un’aera di 12mila metri quadri.

La villa è un bene confiscato alla criminalità organizzata nel 1997 e, come tutti beni confiscati, viene consegnato al comune di appartenenza.

Nel suo caso il Comune di Bacoli.

Nel 2000 il nostro comune, come è prassi, chiese il suo utilizzo per fini socio culturali (infatti chi conosce Libera l’associazione di Don Ciotti, già saprà le varie storie e i percorsi di rinascita dei beni confiscati in Italia).

Dal verbale di consegna del demanio al nostro comune si può leggere che la villa viene destinata a diventare biblioteca, centro culturale polivalente ad indirizzo musicale espositivo, sala conferenze e/o congressi, attività archeologiche subacquee in collegamento con il costituendo Parco Archeologico sommerso di Baia.

Il 14 maggio 2010 tramite una giunta comunale il comune di Bacoli decide di destinare provvisoriamente tale area ad un parcheggio a pagamento.

Attività che, siccome non correlata in alcun modo alla struttura, ha poco a che vedere con fini socio culturali.


Inoltre il nostro comune avrebbe dovuto ricevere 2500 euro annui dalla società che gestiva il parcheggio. Fin qui non c’è ancora niente di male.

Ma secondo la legge 109 del 1996, il bene può essere concesso a fini di lucro ma i ricavati devono essere destinati sempre a fini sociali.

I vari tentativi per il parcheggio però falliscono, il comune infatti ritira la delibera di affidamento.

Il bene rimane così ancora lasciato a se stesso, nonostante i vari finanziamenti ricevuti, come i circa 1,5 milioni di euro solo per la ristrutturazione, terminata verso marzo 2010. I due milioni per lo sviluppo di progetti presentati dal comune riguardanti il turismo locale, ma i lavori ancora devono partire. Poi ancora 150 mila euro per il completamento degli arredi del pontile e altri 150 mila euro per il completamento arredi e servizi delle parti interne della villa.

Inoltre quel poco che c’era, è stato anche derubato questa estate.

Dopo questo triste episodio il sindaco Ermanno Schiano rassicurò: “Non appena saranno completati i lavori farò un bando pubblico per l’affidamento del bene e provvederò per la realizzare di opere di recinzione”.

L’Asgam, una Onlus che ha già usufruito della spiaggetta di Villa Ferretti per attività marinaresche in favore di giovani disabili, ha dato un forte segnale provvedendo a delimitare l’aera per non far entrare macchine non autorizzate, ma come premio riceve solo una querela dal nostro comune.

Così come tutte le belle storie che possono nascere nella nostra Bacoli anziché incoraggiarle gli si rema addirittura contro.

La villa è lasciata a se stessa in uno stato di abbandono. Pertanto vi lascio al video che abbiamo realizzato qualche giorno fa che saprà meglio descrivervi lo stato in cui si trova la villa.

Buona visione a tutti, si fa per dire.

Antonio Carannante
Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

3 pensieri riguardo “Camorra, Villa Ferretti Piomba nel Degrado: Da Centro Culturale a Parcheggio – VIDEO –

  • 30 Marzo 2011 in 18:19
    Permalink

    a chi hanno tentato di dare in gestione il parcheggio???

    Risposta
  • 31 Marzo 2011 in 08:45
    Permalink

    Agli amici loro…gli amici di pariante,il camorrista.
    Tanto fra amici i favori si devono ricambiare…

    Risposta
  • 30 Luglio 2011 in 09:55
    Permalink

    e vero che summuon autista del sindaco di bacoli andra a fare il custode alla villa ferretti ? se e vero e uno schifo dopo il terreno che gli diete l'ex sindaco Ambrosino nella pineta di cuma adesso gli diamo anche la villa complimenti sindaco e a summuon. CHE SCHIFO DI AMMINISTRZIONE. ….e abbiamo cacciato Coppola dove faceva entrare i soldi nelle casse del comune.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.