Delinquenza Politica a Quarto: 17 Consiglieri Sfiduciano il Sindaco Sauro Secone – VIDEO CONSIGLIO COMUNALE CONGIUNTO –

Non è neanche commentabile ciò che avvenuto pochi minuti fa a Quarto: 17 consiglieri comunali sfiduciano il sindaco Sauro Secone e fanno cadere l’amministrazione in carica, lasciando quindi la città ed i destini di 40mila cittadini in mano ad un commissario prefettizio.

Una scelta scellerata, per cui si ripropone l’articolo prodotto da “QuartoCanale”, le cui motivazioni non sembrano ancora essere chiare, che lascia allibiti per la poca lungimiranza politica e per il senso di irresponsabilità che la stessa sottende nei confronti di una comunità, quella flegrea, che soltanto ieri sera si riuniva per opporsi in modo unanime all’apertura di una discarica in via Spinelli a Quarto.

Difatti adesso la città quartese è stata anche mutilata dell’organo politico-amministrativo, unico che, in modo concreto, poteva opporsi alle presumibili ed avventate decisioni della Provincia di Napoli e del presidente Luigi Cesaro in relazione all’apertura di una discarica a Quarto, lasciando così proprio al governo centrale (e quindi a Cesaro) la possibilità di scegliere il destino della comunità quartese e dell’area flegrea.

Adesso a difendere la propria salute, restano soltanto i cittadini.

Gli unici che, senza alcun ombra di dubbio, non molleranno mai.

Poco dopo mezzogiorno il segretario del comune di Quarto notifica ufficialmente a Sauro Secone che non è più sindaco della città. Diciassette consiglieri firmano la sfiducia al primo cittadino che era in carica da Maggio 2007, quando vinse le elezioni al primo turno con il 56,7% dei consensi.
Poco dopo mezzogiorno il segretario del comune di Quarto notifica ufficialmente a Sauro Secone che non è più sindaco della città. Diciassette consiglieri firmano la sfiducia al primo cittadino che era in carica da Maggio 2007, quando vinse le elezioni al primo turno con il 56,7% dei consensi. A firmare sono stati i sette consiglieri del Pdl, (Armando Chiaro, Leonardo Apa, Antonio Carandente Perreca, Andrea Micillo, Franco Fernandez, Eugenio Ianniccelli e Franco Carputo), i quattro consiglieri dell’Udc (Michele Di Falco, Carlo Mario Giaccio, Nunzio Felaco e Geppino Esposito). A questi si sono aggiunti, il consigliere dell’Udeur Guglielmo Friscia, Pasquale Di Criscio dell’Idv, Giovanni Amirante dei Verdi, il consigliere del gruppo misto, Ginotto Conti, l’ex presidente del consiglio Leopoldo Carandente ed infine il consigliere ed ex capogruppo del Pd Gennaro Esposito. E per la quarta volta consecutiva un sindaco non riesce a completare il mandato ricevuto dai cittadini. Ecco nell’ordine i quattro sindaci che hanno terminato la loro esperienza prima della fine naturale della consiliatura: Antonio Ciraci, al secondo mandato dopo appena due anni; Gabriele Di Crisco, Pasquale  Salatiello e adesso Sauro Secone il più Longevo dei quattro essendo stato in carica per poco meno di quattro anni. Non ci sono ancora dichiarazioni ufficiali ne del sindaco sfiduciato, ne da parte dei partiti e consiglieri che lo hanno sfiduciato”.

Si ripropongono di seguito le immagini del Consiglio Comunale Congiunto
tra i Comuni di Pozzuoli, Quarto, Bacoli, Monte di Procida

– Intervento Sindaco di Quarto Sauro Secone –

 

– Intervento Sindaco di Bacoli, Ermanno Schiano,
e Sindaco di Monte di Procida, Franco Iannuzzi –

 

– Intervento Consiglieri Comunali di Bacoli,
Josi Gerardo Della Ragione ed Adele Schiavo –

 

– Intervento Comitati Anti-Discarica Quarto –


– Lettura Deliberazione Congiunta –

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

10 pensieri riguardo “Delinquenza Politica a Quarto: 17 Consiglieri Sfiduciano il Sindaco Sauro Secone – VIDEO CONSIGLIO COMUNALE CONGIUNTO –

  • 4 Febbraio 2011 in 14:56
    Permalink

    l'unione fa la forza e … fa paura. è per questo che conviene, a quelli che hanno martoriato e vorrebbero continuare a martoriare questa terra, far cadere le amminisrazioni che puntano all'unione e alla presa di coscienza. noi cittadini della terra flegrea dobbiamo chiedere con forza che la nostra dignità e i nostri diritti non siano uteriormente calpestati. difendiamo la nostra storia e la nostra terra dai miopi sciacalli che la stanno divorando!

    Risposta
  • 4 Febbraio 2011 in 14:57
    Permalink

    Giuliana Capolupo
    un atto irresponsabile! sebbene il sindaco non sia stato solidale con terzigno in piena emergenza rifiuti e non abbia mostrato molta coerenza nelle politiche ambientali, la sfiducia crea un vuoto istituzionale che non può che andare a svantaggio della cittadinanza, che ora combatte sola contro la discarica…che vergogna.

    Risposta
  • 4 Febbraio 2011 in 14:59
    Permalink

    Lino Trincone
    secone è il più colpevole di tutti.
    Forse è solo un bene che se ne sia andato. Solo persone come Mariarosaria potrebbero attuare quelle politiche ambientali che da troppo tempo mancano dalle ns parti.
    Un sindaco figlio del peggior sistema par…titocratico campano, che ha tenuto in mano le redini della Azienda Pubblica che gestisce i rifiuti, non è stato capace di fare niente.
    Anzi, forse ha fatto fin troppo bene altro…

    Risposta
  • 4 Febbraio 2011 in 15:00
    Permalink

    Già sabato alla manifestazione avevo decritto come sarebbe andata a finire.
    sono sicuro che ora lui se la ride…ha fregato tutti.
    Ora lui per i media è un eroe, per i cittadini è un martire, e… deve essere rivotato.

    Risposta
  • 4 Febbraio 2011 in 15:50
    Permalink

    Giuseppe Rondelli
    se i politici a quarto preparano la fuga per non ricadere in responsabilità che i cittadini gli farebbero pagare cara, vuol dire che la discarica la vogliono fare veramente o c'è dell'altro?

    Risposta
  • 4 Febbraio 2011 in 15:51
    Permalink

    questo nostro paese certe volte non si sa come salvarlo,proprio non si sa come reagire dinanzi a certe cose,il sindaco secone con coraggio si è schierato con un netto no alla discarica difendeno i propri concittadini ed è stato messo da parte.incredibile,assurdo,non si hanno armi,o ci si adegua o ti mettono da parte questa schifosissima politica!

    Risposta
  • 4 Febbraio 2011 in 15:52
    Permalink

    Antonino Gnolfo
    La Provincia di Napoli è guidata da "gente decisa"!
    Il sindaco di Quarto paga immediatamente, a stretto giro di posta, la sua opposizione alla decisione di creare una discarica nella cava "Spinelli".
    I Sindaci di Bacoli e di Monte di Procida avevano partecipato loro malgrado con le loro amministrazioni al consiglio comunale congiunto te…nutosi soltanto ieri sera a Quarto). Per la verità anche da alcuni ambienti della sinistra la riunione congiunta dei consigli era stata inizialmente osteggiata e poi subita con ipocrisia e insofferenza!
    Ancora una volta le popolazioni dei comuni flefrei è stata gabbata in bellezza!!

    Risposta
  • 4 Febbraio 2011 in 16:28
    Permalink

    Arianna Lubrano
    Iannuzzi che si dice solidale con Quarto ma contrario al "no per il no", in riferimento all'opposizione dei cittadini all'apertura di nuove discariche che mancherebbe della propositività adeguata a immaginare scenari alternativi, non so se sia più ridicolo o ignorante. Anche il suo compare che boccia la cava Spinelli perché vicina ai centri abitati e la immagina, invece, possibile in luoghi più desolati, non scherza.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.