Premi di Produttività, l’Amministrazione Bacolese Annuncia una “Ridistribuzione Meritocratica”: I Dipendenti Comunali Minacciano Dimissioni e Scioperi

image Progetti e premi di produttività al centro del dibattito interno alla macchina comunale cittadina: scontri in vista tra amministrazione, capi-settore e rappresentanti sindacali del Comune di Bacoli.

Si accendono le prime polemiche e diatribe intorno alla delicata questione concernente i finanziamenti da attribuire ai progetti di produttività presentati, dietro richiesta dell’assessorato al Personale, dai numerosi capi-settori pubblici.

Schede progettuali per cui, nel loro insieme, dal Bilancio comunale si prevede un impegno di spesa di poco superiore ai 2,1 milioni di euro che, così come avviene annualmente, si ripartiscono, attraverso l’assunzione di un criterio ritenuto valido per il buon andamento dell’Ente, tra le diverse sfere settoriale (dodici nel loro insieme) strutturate pochi anni addietro, con l’avallo della sua giunta, dall’ex sindaco Antonio Coppola.

Denaro da assegnare il quale, in seguito ad un’analisi del Bilancio di Previsione 2010 (Clicca qui per visualizzarlo), rappresenta ben poca cosa rispetto ai circa 12 milioni di euro di anno in anno messi tra le Spese Correnti del Comune di Bacoli, che rappresenta all’incirca il 47% del Titolo I della “Spesa ” pubblica il quale, nella sua totalità, raggiunge una somma pari a 25,5 milioni di euro (garantiti attraverso i Titoli I, II e III delle “Entrate”, le quali rappresentano le Entrate Tributarie, le Entrate Derivanti da Contributi e Trasferimenti Correnti dallo Stato ed altri Enti Pubblici, e le Entrate Extra-Tributarie).

Una fetta del patrimonio annualmente bloccata, resa così voluminosa per via dell’ingente numero di dipendenti comunali ad oggi stipendiati dall’Ente, a cui quindi vanno sommati questi ulteriori 2 milioni di euro atti a garantire, proprio mediante la modellazione di progetti, un miglioramento della e nella macchina comunale il quale, di riflesso, qualora fosse supportato da operazioni valide e lungimiranti, arrecherebbe sicuro giovamento anche all’intera comunità cittadina.

image “Abbiamo dato la possibilità ai capi-settore di portare alla nostra attenzione una loro proposta circa l’opportuna divisione di questo fondo – ha asserito l’assessore al Personale, Giuseppe Scotto di Vetta (in foto) – ma non sono riusciti a trovare un accordo. In questi giorni ho avuto modo di valutare i diversi progetti messi su carta dai responsabili di settore e mi sono adoperato per individuare quali potessero essere quelli maggiormente usuranti per il lavoratore ed utili per la città. In tale ottica ho anche suddiviso i fondi”.

Proposte che, una volta giunte all’interno della “Delegazione Trattante” e quindi alla presenza della stessa amministrazione, dei capi-settori, e dei sindacalisti, ha scatenato non poche polemiche tra le parti in causa.

Dall’assise tenutasi al municipio di via Lungolago, difatti, sarebbero anche state paventate possibili azioni di protesta dei lavoratori comunali mentre altri, tra i capi-settore, avrebbero invece annunciato le proprie dimissioni se non vi fossero state delle sostanziali modifiche nella “manovra”.

Il nostro intento  – ha continua Scotto di Vetta – è quello di adottare un metro di giudizio meritocratico con il quale ridistribuire i premi di produttività. Solo in questo modo potremmo garantire nel futuro prossimo, ai cittadini di Bacoli, una macchina comunale ancor più competitiva e funzionale che possa garantire servizi utili e produttivi. In passato questo fondo, di fondamentale importanza per il miglioramento del servizio pubblico, è stato distribuito cercando di accontentare tutti i dipendenti attraverso l’elargizione di una somma di denaro più o meno paritaria per tutti. Questa amministrazione non vuol far altro che premiare il merito”.

Uno scontro già annunciato il quale continuerà a sussistere anche nel corso della settimana entrante poiché, già nella giornata di giovedì e sempre nei pressi del municipio di via Lungolago, si terrà un importante confronto tra le parti dal quale si comprenderanno ancor meglio quali potranno essere gli sviluppi della trattativa.

Redazione Freebacoli
freebacoli@live.it

10 pensieri riguardo “Premi di Produttività, l’Amministrazione Bacolese Annuncia una “Ridistribuzione Meritocratica”: I Dipendenti Comunali Minacciano Dimissioni e Scioperi

  • 19 Settembre 2010 in 14:15
    Permalink

    Condivido il pensiero dell'amministrazione

    Risposta
  • 19 Settembre 2010 in 14:18
    Permalink

    Chi è il capo-settore per la pulizia di erbacce sterpaglie etc..etc.. del comune di bacoli?

    BOCCIATO, LICENZIATO, DA DECURTAGRGLI L'80% DELLO STIPENDIO !!!

    Risposta
  • 19 Settembre 2010 in 15:34
    Permalink

    ahahah mo tocca lavorare anke ai dipendenti comunali xD muahahah cmq penso che sia un ottima idea ma spero che valga anche per i conisglieri e il sindaco che sono i primi dipendenti pubblici e quindi gli tocca dare l'esempio! by antonio.car

    Risposta
  • 19 Settembre 2010 in 16:54
    Permalink

    al primo commento direi tu si u primm che dovresti finalmente mettere mano..nun è mai faticat

    Risposta
  • 19 Settembre 2010 in 21:30
    Permalink

    Lavoro da sempre nel privato e alla meritocrazia è dovuto gran parte del mio stipendio,nel pubblico questo non è mai successo e la qualità dei servizi statali è da sempre affidata alla responsabilità di pochi.Qui a Bacoli non si può dire che i servizi comunali siano l'eccellenza allora perchè non premiare chi si dà più da fare?

    Risposta
  • 20 Settembre 2010 in 07:00
    Permalink

    Premi a chi lavora meglio? Era ora! Anzi, che mandino a casa quelli meno produttivi, di gente inutile al comune c'è ne fin troppa!

    Risposta
  • 20 Settembre 2010 in 07:21
    Permalink

    In qualità di rappresentante dei lavoratori del comune di bacoli, dissento totalmente dall'impostazione dell'articolo di free bacoli per i seguenti motivi:
    1) I capi settori sono collaboratori dell'amministrazione e non dei lavoratori (sono nominati dal Sindaco con contratto di tipo privatistico e se scontri ci sono stati sono solo interni alla loro organizzazione che dovrebbe essere coordinata e indirizzata dall'A.C.- forse lo scontro è dovuto proprio alla mancanza di ciò-)
    2)L'assessore sa che l'uso dei fondi di cui si discute sono ad appannaggio dell'A.C., la quale siccome non ha idee circa quali progetti realizzare effettivamente ha portato alla discussione tutti i progetti presentati senza una preventiva e necessaria scelta .
    L'assessore fu invitato, dal sindacato nella precedente riunione di delegazione trattante tenutasi all'inizio di agosto, a scegliere i progetti da presentare in conformità agli obiettivi dell'A.C. , ma non lo ha fatto perché?
    Sono il primo ad invocare l'applicazione della meritocrazia senza esclusione alcuna.
    E' troppo facile scaricare sui dipendenti le incapacità delle A.C. presenti e passate e non valutare l'assoluta mancanza di idee di sviluppo del territorio.
    Dare in pasto in maniera populistica il dipedente pubblico è oramai prassi quotidiana ma che non produce alcun effetto concreto se non la sfiducia nei confronti delle istituzioni.
    Io invito la redazione a guardarsi i progetti presentati e forse si renderà conto che qualche progetto fortemente voluto da forze innovative presenti anche in C.C. e per il quale i dipendenti stavano già lavorando con efficacia sono stati miseramente bocciati dall'A.C..
    Infine, invito, pubblicamente,l'Assessore Al Personale, ad avere il coraggio di scegliere i progetti che realmente l'A.C. intende realizzare nell'interesse del paese dei cittadini di Bacoli, e ricercare ed annientare, perchè è un suo preciso dovere,le sacche di parassitismo presenti all'interno dell'Ente.
    R.S.U. Antonio Agostiniano

    Risposta
  • 20 Settembre 2010 in 14:07
    Permalink

    Bla Bla Bla… MANDIAMO A CASA ALLORA LE PERSONE CHE NON FANNO UN EMERITO FAGIOLO, E CHE IL LORO OPERATO E' VISIBILE A TUTTI, IL RESPONSABILE DELLA DISERBATURA DALLE STRADE VILLETTE , GIARDINI COMUNALI ETC..ETC.. CHI E' ? COME SI CHIAMA ? A CASAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA VERGOGNOSO !!!

    Risposta
  • 26 Settembre 2010 in 17:44
    Permalink

    Meritocrazia? progetti ? produttivita?

    Iniziative di controllo e premi bonus per quelli che meritano e fanno bene il loro lavoro?
    ma siamo impazziti? ma che credete che siamo a Copenhaghen, a Oslo, a Berlino, a Ginevra?
    siamo nella sgangherata bacoli e queste cose non si sono mai viste ! mica in un paese civile !

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.