Plinio Il Vecchio: una colletta per andare avanti




Nel verbale dell’assemblea dei genitori dell’I.C. Plinio Il Vecchio del 13/10/09, convocata dal Dirigente Scolastico, si legge
Presa in esame quindi, l’estrema precarietà dell’attuale situazione finanziaria dell’istituto per i mancati finanziamenti delle scuole da parte del MIUR, il Dirigente Scolastico, suo malgrado, si vede costretto a invitare i genitori (almeno quanti tra essi sono più sensibili e collaborativi) per una straordinaria, fattiva e tempestiva collaborazione diretta, indispensabile per garantire il normale svolgimento delle ordinarie attività scolastiche dell’istituto, attivandosi a
fornire il seguente materiale di facile consumo al momento non acquistabile con le ormai esauste risorse della scuola
:

carta per fotocopie, cartucce e toner, gessetto per le lavagne, carta igienica, sapone per mani, rotoloni asciugamani, detersivi per la pulizia delle suppellettili, dei pavimenti e delle pareti pistrellate, secchi, scope e strofinacci per lavare i pavimenti, guanti monouso, etc.

In tal senso sarebbe preferibile che le famiglie, organizzandosi autonomamente, direttamente acquistassero detto materiale per consegnarlo quindi alla scuola. All’uopo si è resa disponibile per la raccolta dei fondi liberamente elargiti dalle famiglie il genitore ….

La situazione è deficitaria su tutto il territorio nazionale – dice la prof. Colandrea, vicepreside dell’istituto – Personalmente, più che detersivi e toner, porterei all’attenzione dei genitori altri beni di prima necessità, come i banchi e le sedie che spesso risultano essere inadeguati per le ridotte dimensioni. In quanto professoressa di Educazione Fisica mi preoccupo di più dello sviluppo psico-fisico del bambino. Per i saponi si potrebbe pensare anche a un ritorno al passato, dove ogni bambino portava da casa la sua personale saponetta
I responsabili del servizio di pubblica istruzione, di contro, dicono di impiegare al meglio le loro esigue risorse. “Abbiamo destinato – dice la sig.ra Paparone – tutto il badget che avevamo, 1000 €, in carta igienica, sapone e salviette battericide, in vista della possibile ondata influenzale”
Ma tanti dovrebbero essere gli oneri delle istituzioni scolastiche a carico del Comune: dall’edilizia scolastica agli arredi, dalle spese per gestione e funzionamento a quelle di pulizia dei locali scolastici.
Per averne un’idea, citiamo solo alcune delle spese di cui si fa carico il limitrofo comune di Monte di Procida:
pulizia – 2555,97 €
materiale sanitario – 957,00 €

cancelleria – 3915,98 €

registri e giornali – 1386,00 €

Per un totale di 8731,79 € destinati solo all’acquisto di materiale per il funzionamento.(Escludendo un fondo di piccola manutenzione, il supporto economico ai POF, il finanziamento progettualità Ensemble…)
C’è solo da chiedersi a questo punto, se i genitori “sensibili e collaborativi” si rifiutassero di contribuire all’acquisto di beni di prima necessità non altrimenti reperibili, in che condizioni igienico-sanitarie verterebbe l’istituto.

Alessandra Sagliocchi
Redazione Freebacoli

5 pensieri riguardo “Plinio Il Vecchio: una colletta per andare avanti

  • 21 Ottobre 2009 in 11:34
    Permalink

    ma sti genitori non devono assolutamente pagare!!! ma che storia è mai questa??? manco n'euro. se non è più agibile poi tutti in strada! ma che scherziamo??

    Risposta
  • 21 Ottobre 2009 in 12:40
    Permalink

    siamo all'inizio della fine!
    ma siamo il paese in europa che paga più tasse in assoluto e siamo ridotti cosi?
    scendiamo in piazza e facciamo casino,che il popolo insorga porca puttana!!!!!!!
    anonimio conosciuto

    Risposta
  • 21 Ottobre 2009 in 20:35
    Permalink

    mi sembra una scuola ghetto,di qualche paese brasiliano vicino le favelas

    Risposta
  • 22 Ottobre 2009 in 19:53
    Permalink

    a tutti è piaciuta la giostra della scuola sotto casa che non costa nemmeno un pò di fatica, ed a furia di crescere gli iscritti lo spazio si è ristretto ed è sorta la necessità di prendere un'altra struttura è ovvio che poi le spese non tengono più….

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.